sabato 26 novembre 2011

Perdite, crisi e preghiere...


Di questi tempi noi bloggers ci preoccupiamo della perdita della nostra casetta su Splinder, ma basta guardarci intorno per vedere che c'è chi ha perso molto di più: la vita stessa, le persone amate, la propria casa, a causa delle recenti alluvioni, il lavoro, soprattutto per persone che, data l'età, molto difficilmente ne troveranno un altro...Non parliamo del nostro Paese, che sta perdendo prestigio, credibilità e potere economico. Insomma, si direbbe che parola "perdita" sia ormai all'ordine del giorno ed il motto dei nostri tempi.

Quando la situazione va male, ho notato che aumentano le persone che si dedicano al gioco e quelle che si avvicinano alla Chiesa. Se l'uomo da solo non può più fare nulla per salvare una situazione ormai catastrofica, non resta che affidarsi alla fortuna o all'aiuto divino.

C'è comunque qualcuno molto poco conosciuto che, in sordina, con grande fiducia e fede assoluta,  prega anche per chi non sa più farlo. Sono le monache di clausura, che il mio dirigente definisce: "I parafulmini del mondo".
Nella mia città esiste un monastero delle Clarisse, ordine fondato da S. Chiara d'Assisi nel 1253.
La collega di religione vi accompagna tutti gli anni le nostre classi per parlare con una monaca, al fine di porle tutte le domande e le curiosità che, comprensibilmente, i  ragazzi della Scuola Media possono avere nei riguardi di una persona di questo genere. A volte mi aggrego anch'io, come è successo l'altro ieri, quando ero anche particolarmente emozionata perché sapevo che avrei rivisto, dopo circa quindici anni, una mia ex alunna. La monaca mi ha subito riconosciuta ed è stata molto felice di trovarmi là, ci siamo abbracciate e baciate, pur restando divise da una cancellata di ferro. La simbolica cancellata che divide le monache dal mondo circostante. Pensare che una ragazza di vent'anni, con tutta la vita davanti, abbia scelto di relegarsi in quel luogo, dal quale si può uscire solo per il funerale di un parente, un ricovero in ospedale o per andare a votare, fa veramente credere al fatto che sia stata "chiamata" dal Signore.
 (Nella foto ho coperto i visi dei minori e della monaca per ovvi motivi di privacy...)
In  effetti, in questi anni, le monache che abbiamo incontrato ci hanno raccontato sempre una storia simile: arrivate intorno ai vent'anni si erano accorte di non essere affatto felici. Una strana inquietudine le aveva spinte a cercare ovunque la felicità, fino ad approdare nel monastero dove avevano sentito di essere arrivate finalmente "a casa". Non il lavoro, la macchina, i viaggi, la famiglia, il fidanzato, la famiglia, ma il silenzio, la preghiera  e la povertà del monastero; qui erano subentrate finalmente nell'anima la serenità e la pace, la consapevolezza di non volersene mai più andare. La ricerca era finita e il cuore era pieno di gioia, la gioia di essere le "spose del Signore"

In effetti, le suore trasmettono sempre a noi visitatori una grande sensazione di  tranquillità ed armonia. Persino i più incalliti "Pierini", che non stanno mai un attimo fermi o zitti, con un vocabolario degno del peggior scaricatore di porto, rimangono immobili ed attoniti, con lo sguardo fisso sulla monaca e l'aria estasiata. Sembrano ipnotizzati.
Al ritorno, ho chiesto ai ragazzi le impressioni ricevute e mi hanno risposto: "Ci sentiamo pieni di Spirito Santo!".

Così, con l'arrivo della recessione e di tutto ciò che comporta,tra i disastri provocati dalle alluvioni, le rapine e gli omicidi in aumento, non ci resta che affidarci alla prossima stangata del professor Monti e alla preghiera dei  "parafulmini del mondo". 
Mettiamocela tutta e... "Che il Signore ci aiuti"!

13 commenti:

  1. che il Signore ci aiuti davvero!

    RispondiElimina
  2. Già, Paolo, la situazione è veramente tragica e non so come si farà ad uscirne senza romperci la testa!

    RispondiElimina
  3. Kat, vado fuori tema e ti lascio questa. Scappo in ufficio, ma tornerò a leggere il tuo post.

    Allora, ti copio-incollo, da alcuni interventi, le cose più importanti da
    sapere:

    Per linkare gli amici e molte altre cose:
    - andate sulla bacheca
    - cliccate design
    - cliccate "aggiungi un gadget" dove volete
    - si aprirà una finestra con molteplici possibilità. Tra queste "elenco blog"
    "elenco di link" eccetera, ma si può mettere davvero di tutto, basta esplorare
    questo menù gigante.
    Se volete aggiungere calendari o codici banner o figurine coi codici cliccate
    il gadget HTML/Jabvascript.
    Questi spazi sono intercambiabili (nei limiti del vostro layout) per cui se
    volete, per esempio, che a destra appaia una cosa poi l'altra potete trascinare
    voi il gadget con il mouse.


    Per mettere i commenti di risposta visibili nella colonna di destra, andare su
    design, cliccare "aggiungi un gadget" dove si preferisce collocarli, nella
    finestra che si aprirà, cliccare sulla sinistra "più comuni", è il primo della
    lista che apparirà con la scritta "recent comments" cliccando sul + aggiungerlo
    e cliccare "salva" stessa cosa in alto sulla destra, salvare o guardare prima
    l'anteprima, per metterlo dove si preferisce trascinare i vari elementi gadget
    con il mouse e cliccare salva.

    Andando su bacheca, cliccare la "guida" in alto a destra, ci sono molte info,
    tra le quali:come fare per....personalizzazione dei blog.

    2) Per permettere a tutti di commentare:
    - Cliccate impostazioni
    - cliccate post e commenti
    - spuntate la casella che vi interessa (per far commentare tutti fate
    chiunque).

    Per i template, e ce ne sono di bellissimi:
    Design-Designer modelli- poi scegliete uno dei quattro modelli nelle 4 icone
    che vi appaiono. In base ai modelli scelti, si può o accontentarsi di quello
    base o andare su SFONDO cliccare sulla freccina della finesta in alto a
    sinistra e scegliere la miriade di bellissimi sfondi presenti.

    Orario: Vai sul menu a sinistra che inizia con panoramica e finisce con
    impostazioni
    -clicca impostazioni
    -clicca lingua e formattazione
    -troverai fuso orario formato ora formato intestazione formato data
    eccetera: tu ovviamente scegli il fuso orario di Roma!
    Baciii

    RispondiElimina
  4. Linda, grazie mille per i consigli! Come vedi ne ho già messi un bel po' in pratica! All'inizio non mi raccapezzavo, ma adesso comincio a destreggiarmi. Grazie ancora, sei gentilissima!

    RispondiElimina
  5. Grazie Censorina...Ho faticato un po', ma anche qui alla fine sono riuscita ad arrangiarmi a creare qualcosa senza usare i temi di default...grazie anche ai suggerimenti di Linda, perchè non riuscivo a capire il funzionamento di tutto l'ambaradan!

    RispondiElimina
  6. Eccomi!
    Non sono credente, anzi sono agnostica ma ho per la Fede e chi la professa con abnegazione, grande rispetto. Sono scelte di vita ma tra le scelte, le più gravose se condotte con tutta la propria forza interiore.
    Le suore Clarisse sono un ordine rigoroso come lo fù la loro fondatrice, Santa Chiara compagna di vita e di pensiero di San Francesco d'Assisi.

    Ma di questi tempi anche le vocazioni stanno scemando e questo credo sia l'effetto del vita tutta di corsa protesa a un successo molto terreno.

    sherabuonanotte..mipiacequimanntroppoilgiallinodifondo :)

    RispondiElimina
  7. Siamo tutti alla ricerca della felicità e fortunato è chi riesce ad individuare la strada da intraprendere, per arrivare a questo traguardo. Da ex credente, provo tenerezza per le donne che hanno scelto la strada del servizio in Dio, e forse anche un po' di invidia... ;)
    Ciao, Kat, ti auguro una buona giornata (ma poi mi dici come hai fatto a mettere la musica??)

    RispondiElimina
  8. Finalmente sei arrivata! Almeno loro, le monache hanno trovato la pace e riescono a trasmettere tranquillità ed armonia, c'è proprio bisogno di tutte le loro preghiere!
    Un saluto affettuoso

    RispondiElimina
  9. SHERAZADE:
    ho modificato il fondo, spero vada meglio...sono ancora alle prese con gli esperimenti ehehehhehe!
    In effetti, non credo sia facile trovare qualcuno che possa trovare nel monastero una ragione di vita, date le regole così rigorose. Però almeno oggi, contrariamente ad un tempo, ( ricordiamo la monaca di Monza?)chi sceglie questa strada non lo fa per fame, ma proprio per vocazione e le sue preghiere sono sicuramente sincere.

    RispondiElimina
  10. LINDA,
    Mi hai spiegato tu come fare! Dicendomi che c'è una scheda che permette di inserire un codice HTML mi hai permesso di cercarla e di inserirvi il codice del lettore musicale. Il file mp3 lo pubblico in precedenza su un mio sito di appoggio e poi inserisco l'indirizzo nel codice. Se vuoi il codice te lo mando.

    RispondiElimina
  11. VIOLETTA:
    hai proprio ragione. Oggi più che mai abbiamo bisogno delle loro preghiere, perchè da questa situazione può salvarci solo un miracolo!

    RispondiElimina
  12. Ah, va bene. Io ho un codice che però va bene solo per explorer e google, non per mozilla. Provo con quello, grazie!

    RispondiElimina