domenica 4 aprile 2021

BUONA PASQUA!

Anche quest'anno sarà una Pasqua sotto tono, con tante limitazioni e preoccupazioni per il futuro.

Auguro una pronta guarigione a chi è malato, una buona ripresa del lavoro a chi ha avuto difficoltà, una permanente riapertura delle scuole per studenti, insegnanti e personale scolastico, una prossima messa in attività di teatri, sale da concerto, cinema, mostre, palestre e di tutti i luoghi in cui si fanno cultura e spettacolo, per la gioia di chi assiste e la soddisfazione di chi lavora in quei settori, una pronta riapertura dei negozi di parrucchieri, bar, ristoranti... per la gioia dei clienti e il ritorno al lavoro di chi ha subito, per troppo tempo , lo stop della sua attività e ringrazio di cuore tutti gli operatori della sanità che tanto si stanno sacrificando per la nostra salute.

E Auguri per una serena Pasqua anche a tutti voi, cari amici blogger che, come me, sperate in un futuro di rinascita e serenità!



venerdì 5 febbraio 2021

Incontro con... bovini scozzesi.

 Recentemente, durante una passeggiata nelle campagne, ci siamo imbattuti in un singolare bovino che avevo visto soltanto nelle fotografie di mio figlio quando era stato in Scozia. 

Le origini della vacca highlander risalgono infatti alle Highland della Scozia, anche se, oggigiorno, si è diffusa in varie altre parti del mondo. Questa razza è caratterizzata da una statura bassa (attorno al 1,2 metri), peso compreso tra i 500 e i 600 chilogrammi, con delle ampie corna (anche fino a 1,6 metri) sviluppate a lira (del tutto simili ai bufali), e un folto e lungo pelame.

E’ ben resistente alle malattie, in parte anche grazie alle lunghe ciglia ed alla peluria che scende sulla fronte, che protegge gli occhi dagli insetti. In Italia, da una decina di anni, esiste l’importazione di questa razza in Trentino-Alto Adige e nel Veneto, per l'allevamento, non tanto per il suo latte, quanto per la sua carne, magra e povera di colesterolo. Infatti, il folto pelo aiuta a mantenere la temperatura corporea a livelli alti, senza quindi dover ricorrere ad uno spesso strato di grasso sottocutaneo.  

Nel caso di Cherasco (Cuneo), piccola cittadina a pochi chilometri dalla mia, questi animali vivono tranquillamente, da una decina d’anni, in un agriturismo, per la curiosità dei bambini e dei turisti che si fermano ad osservarli.

 





sabato 23 gennaio 2021

Un incontro dal passato

Marianna ( nome di fantasia) era una mia compagna di scuola media. Minuta, con una lunga treccia bionda, era una tipetta sveglia e dinamica. Avevamo partecipato spesso insieme ai Giochi della gioventù ed ho un ricordo di noi due che, in palestra, continuavamo a saltare alzando sempre più l’asticella del salto in alto, mentre tutte le nostre compagne erano sedute contro il muro, perché avevano fatto cadere tre volte l’asticella.

La mia classe in terza media. 

Non ci incontrammo più dopo la terza media, benché vivessimo entrambe nella stessa città.

Poi, qualche mese fa, il suo nome è apparso improvvisamente su Facebook. Le ho mandato un messaggio: “Sei proprio tu la Marianna che ricordo alle medie?” Era lei e ci siamo date l’amicizia, ma niente più.  

Ieri sera ho ricevuto un messaggio da una mia ex collega, che era stata, a suo tempo, anche una mia alunna. Mi ha detto di aver trovato il portafogli con soldi e documenti di quella certa Marianna che risulta mia amica su Facebook e mi ha chiesto di contattarla per poterglielo restituire.

Io non avevo il suo numero di cellulare e su Facebook non rispondeva.

Allora ho pensato che, tra le amicizie in comune tra noi, forse qualcuna poteva conoscerla meglio e così ho mandato lo stesso messaggio a sette persone, spiegando la situazione e domandando di contattarla. Tra queste ha risposto la madre di alcuni miei ex alunni, che ha il suo numero. Ma anche lei non riusciva a contattarla. Così, a sua volta, ha chiesto ad una vicina di casa di andare a controllare.

Alla fine, si è scoperto che Marianna era uscita a portare a spasso il cane, non aveva preso il cellulare, né la borsa e non si era nemmeno accorta di aver perso il portafogli!

Così, dopo tutto questo tam tam degli intermediari, le è arrivato il mio numero e mi ha chiamata. E’ stato emozionante sentirci dopo quasi cinquant’anni di silenzio! Nella mia testa è sempre la ragazzina dalla treccia bionda.

Sono successe così tante cose in questo lasso di tempo! Una vita intera da raccontarci. Una vita che, alla fine, ha lasciato Marianna completamente sola.  Ma ci sarà tempo per parlare. Ormai ci siamo ritrovate.

Insomma, questo per dire che i Social non sono così inutili e stupidi come molte volte si pensa, non sono solo una lavagna per scrivere ogni sciocchezza ci passi per la testa, non sono una piazza per litigare, insultare e criticare, ma possono essere utilizzati in modo utile per cercare le persone, per comunicare informazioni importanti, per ascoltare voci del presente e del passato. Basta usare buona volontà e un po’ di cuore.  

martedì 5 gennaio 2021

FELICITA'

 E' stato un anno molto difficile quello che è appena terminato. Abbiamo conosciuto l'isolamento, la paura, l'impotenza nei confronti di un nemico invisibile. Abbiamo utilizzato di più i social, i gruppi, le videochiamate, le registrazioni vocali, per sentirci vicini agli amici, ai parenti, alle persone ricoverate in ospedale. Siamo rimasti per tanto tempo chiusi in casa, stando più vicini ai nostri familiari e ai nostri amici pelosetti. Proprio questi ultimi sono quelli che hanno goduto oltremodo per la nostra costante presenza in casa e, osservandoli, possiamo conoscere il vero aspetto della felicità.

Ecco il mio Terry che si rotola nella neve estasiato. Gioia pura!  



Buon 2021 a tutti voi! Ai vostri compagni, ai figli, ai fratelli, ai nonni, a tutte le persone che vi amano e che amate. Speriamo possa essere un anno migliore del precedente, quello che ci consentirà di tornare a vivere com'eravamo abituati, con le feste, i concerti, le pizze con gli amici, gli spettacoli, i viaggi, gli abbracci...e che non si debbano mai più lasciare soli in ospedale i nostri cari.
Auguri!