giovedì 28 marzo 2024

 


Stiamo vivendo tempi difficili, che ci fanno sentire sempre più addolorati, impotenti ed impauriti per tutto ciò che sta succedendo intorno a noi.

Nel nostro piccolo mondo, costituito da famiglia, amore, amici, lavoro e tempo libero, possiamo però ancora vivere in pace, salute ed armonia, traendo gioia dalle piccole cose, condividendo sani valori, sentimenti e momenti felici.

Vi lascio una poesia di Gianni Rodari, sempre attuale, mentre, col cuore, dedico a tutti voi e alle persone che amate, una buona Pasqua, che non duri solo un giorno, ma tutto l’anno!


Dall'uovo di Pasqua

Dall'uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: "Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio".
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
"Viva la pace,
abbasso la guerra".

Gianni Rodari

martedì 19 marzo 2024

Auguri a tutti i papà!

 Tanti Auguri al mio papà che non c’è più e che sempre mi ha amata, confortata e protetta con tutto se stesso.

Lui era quello che, quand’ero piccola, camminava carponi sul pavimento con me sulla schiena a far finta di essere a cavallo; era quello che inventava, ogni sera, fiabe bellissime e divertenti, nonostante fosse stanco dopo una giornata di lavoro; era quello che mi confortava nei momenti difficili e mi dava sempre una speranza o una soluzione per superarli; era quello che mi faceva ridere, mi dava saggi consigli e che, ancora a pochi giorni dalla morte, mi diceva: “Io ti proteggerò sempre, finché avrò un alito di vita!”


Tanti Auguri a mio marito,
che sempre ha cercato di essere essere un padre amorevole ed un esempio di vita, facendo del suo meglio per stare vicino a nostro figlio, soprattutto negli sport e nei momenti più difficili o importanti, col desiderio di offrirgli una serena esistenza, nel benessere, nel rispetto e nell’amore.



Tanti Auguri a tutti i papà che sono forzatamente lontani dai propri figli, per lavoro o per difendere la Patria in guerra e per dare alle nuove generazioni un futuro migliore, nella libertà e nella democrazia, ai papà che soffrono in silenzio per una malattia o una difficoltà, cercando di non far preoccupare i loro figli, ai papà che dedicano tempo, pazienza e amore alla loro famiglia...



Tanti auguri a chi di voi è papà e ai vostri papà.
Buona festa del papà!

giovedì 14 marzo 2024

20 anni di blog

 


Esattamente nel marzo 2004 aprivo il mio primo blog. Sono passati vent’anni. A quei tempi si cominciava appena a parlarne e io ne venni a conoscenza durante un corso di aggiornamento scolastico. Una certa Maria Teresa Bianchi, docente di matematica presso un liceo di Gubbio, aveva creato il suo primo blog didattico, seguita a ruota da altre docenti di ogni ordine di scuola: superiori, medie ed elementari. Invitava altri insegnanti a collaborare con le loro classi al fine di ottenere uno scambio nazionale tra scuole.

Io non sapevo nulla del mondo blog e pensai di crearne prima uno per me, in modo da sperimentare le sue potenzialità e capirne le modalità di pubblicazione. A quei tempi andava forte la piattaforma Splinder e scelsi quella. Non avevo idea di cosa scrivere, allora pensai ad un fatto accaduto a mio padre, che aveva ritrovato, dopo cinquant’anni, un suo grande amico in Venezuela. Era “La storia di Gino e Pino” che potete ritrovare qui, tra le mie storie più belle.  Pensate che, anni dopo, interessò addirittura RAI 1, che mi propose di andare a raccontarla a Domenica in. Era necessario però che venisse con me l’altro protagonista della storia, il venezuelano che aveva più di novant’anni e non era più in salute, così, alla fine, non se ne fece nulla. In compenso, Gramellini la pubblicò sulla Stampa nella sua rubrica “Cuori allo specchio”.

Diedi successivamente vita a diversi blog con le mie classi, con l’intento di far scrivere ai ragazzi dei post che potessero interessare i loro coetanei e con la speranza che potessero interagire fra loro con i commenti. Forse, se fossi stata un’insegnante di lettere, avrei potuto ottenere qualcosa in più, ma ero soltanto una docente di musica e i ragazzi cominciarono a pubblicare semplicemente i video dei loro cantanti preferiti, senza scrivere nemmeno una riga. Probabilmente, l’idea di scrivere era collegata al fatto di dover svolgere un ulteriore compito, e di quelli ne avevano già tanti. Quando mi lamentai con una docente di lettere, mi rispose che pretendevo troppo, perché i ragazzi della Scuola Media non sono ancora in grado di interagire tra loro con commenti costruttivi, soprattutto in forma scritta. I genitori non aiutavano, perché vedevano il tempo speso al pc come tempo sprecato, che avrebbe potuto essere utilizzato meglio sui libri di studio.  C’era poi chi lamentava difficoltà di connessione. Molti avevano il pc, ma non era collegato ad Internet. Insomma, fu decisamente un flop. I tempi, 20 anni fa, non erano ancora maturi per simili esperimenti.

Così continuai per conto mio, raccontando momenti della mia esistenza e conoscendo molte persone interessanti. Uscivo dalla mia provincialità e dal mio lavoro di insegnante per comunicare con blogger  provenienti da tutta Italia e dalle più svariate attività e situazioni di vita. Mi confrontavo con persone dalle idee molto diverse dalle mie e mi aprivo a situazioni ed argomenti e nuovi, che mi facevano riflettere e vedere altri orizzonti.  

Nacquero molte amicizie ed alcune le conobbi anche nel mondo reale, non notando alcuna differenza con quel che avevo vissuto con loro nel mondo virtuale. Splinder poi chiuse e mi trasferii qui, dove mi vedete tutt’ora. Sono rimasta comunque in contatto con molte persone, utilizzando soprattutto Facebook, mail e whatsapp. Alcune sono decedute, purtroppo, e ancora le ricordo e mi mancano.

Il blog di Splinder, prima che sparisse del tutto, lo copiai con un programma apposito. Impiegai un giorno e una notte per salvarlo tutto, ma lo recuperai e ancora lo conservo. Un giorno o l’altro lo rileggerò e sono sicura che ritroverò tanti momenti di vita a cui non ho mai più pensato.

Ora, dopo tanto tempo, non sono più un’assidua scrittrice. La mia vita non è più attiva come una volta e mi mancano tanti spunti di ispirazione, ma sono ancora qui.  E ci siete voi, che ancora mi aprite nuove finestre sul mondo con i vostri post ed i vostri commenti.

Grazie a tutti e…Buon Compleanno al mio semplice blog!

sabato 2 marzo 2024

Il trombone a coulisse

Viviamo in tempi difficili. Alluvioni, femminicidi, guerre, minacce di armi nucleari...senza contare i mille problemi quotidiani che ci affliggono e stressano. Abbiamo tutti bisogno di sorrisi ed un po' di leggerezza. Quando insegnavo mi capitavano spesso fatti buffi, che sul momento potevano preoccuparmi o imbarazzarmi, ma a ripensarci mi facevano proprio sorridere e anche adesso mi mancano.   Ne voglio ricordare uno con voi, sperando di alleggerire anche un po' la vostra giornata. 


Lezione di ascolto in seconda E.

“Ragazzi, la volta scorsa abbiamo parlato dei legni ed ascoltato i suoni prodotti dai relativi strumenti, oggi invece tratteremo gli ottoni e più precisamente: tromba, corno, tuba, trombone…

La tromba bla, bla….”

 Arriviamo al trombone. 
Nella versione moderna è comunemente noto come trombone a tiro o trombone a coulisse…”

Qui cominciano i risolini.

K. il classico Pierino della classe, sette in condotta, non riesce a trattenersi:

“Ha detto proprio “Cul….”

Giù un altro risolino. Diciamo pure una bella risata.

“Fanciullo caro, so dove vuoi andare a parare, ma non c’entra affatto! Si tratta di una parola francese che si scrive C-O-U-L-I-S-S-E! Insomma, in parole semplici, si tratta di un tubo che entra dentro un altro modificandone così la lunghezza in modo da ottenere suoni di diversa altezza”.

 “Entra dentro? Va avanti e indietro? Su e giù? “

E. si sbellica dalle risa, i maschietti gli vanno dietro e le fanciulle li osservano apparentemente imperturbabili.

“Oh insomma! Siamo seri! Guardate l’illustrazione, si vede bene come il suonatore azioni la coulisse per ottenere i suoni!”



“Eh prof, proprio ieri abbiamo avuto Educazione sessuale e anche lì si parlava di...”

 Per fortuna suona il campanello dell’intervallo. In corridoio mi si avvicina A. la classica studiosa, seria, esatto opposto di K. Una vera donnina giudiziosa.

Alzando braccia e occhi al cielo esclama: “Maschi! Di qualsiasi cosa si parli, riescono sempre a trovare un collegamento con “quello”. Pensano solo a quello! Porti pazienza prof, non c’è rimedio a questa situazione. Non c’è speranza!”

Poi, con fare confidenziale: “Lei è sposata?”

“Sì, lo sono”

“E…anche suo marito pensa sempre e solamente a… “quello”?

“No, ha molti interessi…”

“ Ah, meno male! Che almeno ci sia ancora qualcuno che si salvi…”

E, sempre con gli occhi al cielo e l’aria sconsolata, si avvia verso i compagni. Mi sa che non sia troppo convinta.

 Rimango per un attimo senza parole. In quel momento mi piomba addosso un ragazzino che sta inseguendo una pallina. Una botta sul seno da stare senza fiato. E’ tanto se riesco a reggermi in piedi.

“Scusi prof, non l’avevo vista, mi è scappata la pallina!”

“Va bene, va bene, ma la prossima volta cerca di non attentare più alla mia vita!”

 Già…oltre a “quello” i maschietti adorano anche la palla…Dovrò ricordarmi di farlo presente ad A….

Rido e, un po’ dolorante, mi incammino verso la prima A. L’intervallo è finito. Si ricomincia.

  

giovedì 29 febbraio 2024

Omonimie moderne

 Oggi, al Telegiornale, ho sentito una ben strana notizia: “Anita e Giuseppe Garibaldi stanno avendo un periodo d’incomprensioni. Forse si lasceranno”.

Anita e Garibaldi? Sono per caso resuscitati? Ho inteso male?
Invece ho poi scoperto che si tratti di due protagonisti del Grande Fratello.
Le studiano proprio tutte! Per caso viene scelto un tipo che si chiama Giuseppe Garibaldi, sempre per caso viene inserita nel programma una certa Anita e, guarda caso, proprio loro due si innamorano!

Per curiosità, cerco con Google digitando i due nomi e pensando di trovare, per prima, la coppia “originale”, invece trovo subito ben dieci video e tre ricerche correlate ai due abitanti della “casa”.

I tempi sono proprio cambiati, e pure i personaggi della Storia!






venerdì 23 febbraio 2024

Un inaspettato visitatore notturno

 Oggi vi racconterò un fatto che mi è accaduto la settimana scorsa.

Ero sola in casa, perché mio marito era andato ad una settimana bianca sulle Dolomiti.  

Insomma, a dire il vero non ero completamente sola, perché avevo accanto il mio fido volpino Terry. Lui è molto bravo a segnalare qualsiasi movimento o presenza sospetta. Abbaia a tutto spiano, ma poi fa le feste a tutti. Non si stacca mai da noi e, fin da piccolissimo, l’abbiamo fatto dormire in una cuccia accanto al nostro letto. Ah! Avevamo pure provato a lasciarlo in cucina, ma lui, pur essendo piccolissimo, si era messo ad abbaiare così forte da svegliare tutto il vicinato. Mio marito era andato a prenderlo, l’aveva portato, cuccia compresa, nella nostra camera, e lì era rimasto.

 


Quella  notte stavo appunto dormendo e sognavo…

 Sognavo mia madre che andava in bicicletta a trovare una cugina (morta pure lei, ovviamente!). Nel sogno avevo la consapevolezza che mia madre avesse avuto l’Alzheimer, ma ne fosse guarita, tornando in grado di ragionare. Dopo un po' però cominciavo a preoccuparmi: se le fosse tornata quella terribile malattia e non avesse più potuto ritrovare la strada di casa? Esprimevo questa mia preoccupazione a mio padre e alla mia vicina di casa (quattro morti in un botto! Sogno molto spesso persone che non ci sono più, ma stavolta erano tanti!) quando il cane mi ha svegliata abbaiando furiosamente, come se ci fosse stato qualcuno nella stanza. Mamma mia, che paura! Accendevo così la luce, ma non vedevo nessuno. Lui continuava ad abbaiare. Sono scesa dal letto e cosa ho visto? Un gatto! Era imprigionato tra l'armadio e la porta chiusa. Ha provato anche ad arrampicarsi sull' armadio, ma era troppo liscio e alto per lui, ed è caduto. Se ne stava lì, immobile, come ipnotizzato. Sul momento mi sono sentita sollevata. In fondo, era meglio un gatto che un ladro! Ma la situazione era comunque difficile. Già vedevo davanti a me una scena cruenta, con il cane che cercava di azzannare il micio al collo (lui detesta i gatti) e quello che tentava di accecarlo con gli artigli, con spargimento di sangue a gogò. Cosa avrei fatto, nel bel mezzo della notte, se si fossero feriti, magari gravemente?

Supplicavo Terry: “No, no! Lascialo stare!” Poi l'ho convinto, non so come, a seguirmi in camera di mio figlio e l’ho chiuso dentro. Così ho aperto al gatto (un bel micio grigio) e l'ho accompagnato sulle scale fino alla porta. Quando gli ho aperto, mi ha guardato e lanciato un “miao!”, come se avesse voluto ringraziarmi, poi è fuggito nella notte. Erano le due e mezza.

 Alle quattro Terry chiamava di nuovo e ho dovuto accompagnarlo al piano di sotto per uscire a fare la pipì.  Insomma, una notte agitatissima!

 In ogni caso, tutto è bene quel che finisce bene e qualche Angelo Custode, mio o degli animali, deve averci dato una mano.

Adesso, quando vado a dormire, faccio prima un giro di perlustrazione in tutte le stanze per controllare che non si nasconda qualche ospite!

venerdì 2 febbraio 2024

Tramonto di febbraio

 


Il tramonto di questa sera visto da casa mia. 

Improvvisamente la mia cucina si è colorata di rosso e lo stesso colore si vedeva fuori dalle finestre. Sono uscita con il cellulare e ho immortalato questi splendidi colori a Ovest. Ammirare le meraviglie della natura, soprattutto quando capitano davanti agli occhi così inaspettate, è uno dei piaceri della vita.

E se il proverbio "Rosso di sera, bel tempo si spera" funzionerà anche stavolta, domani avremo un'altra calda giornata di sole, che cercheremo di sfruttare stando all'aria aperta il più possibile!

domenica 28 gennaio 2024

Idoli dei nostri tempi

 Finalmente un giovane famoso che fornisce un modello positivo ai nostri giovani! Ha guadagnato molto denaro, ha raggiunto la fama, ma ha sudato e faticato per raggiungere il successo e dovrà continuare a sudare e faticare ancora per molti anni. Nonostante ciò è rimasto un ragazzo pulito, educato, corretto, persino un po’ timido, che ringrazia continuamente la famiglia per averlo sempre sostenuto nelle sue scelte. Avete indovinato? Sto parlando di Jannik Sinner che, proprio oggi, ci ha regalato tante emozioni ed una splendida vittoria in una finale da brivido all’Australian Open di Melbourne.


Negli ultimi anni di scuola avevo discusso molto con i ragazzi sui rapper e gli influencer. Ricordo i mille discorsi su un rapper chiamato “Bello figo”, che canta testi amorali e pieni di parolacce. Una sua canzone si intitola “Io scopo tutti i giorni” e già questa è tutta un programma. Un’altra inneggia al fatto di non lavorare e pensare solo al divertimento, e lo spiega con termini che preferisco risparmiarvi. Alle mie rimostranze, i ragazzi rispondevano: “Prof, lei non immagina quanto denaro guadagni questo cantante e tutti quelli come lui! Basta guardarlo su Youtube e, ogni visualizzazione, gli porta guadagni. Altro che stare a faticare sui libri!” 



Lo stesso si può dire dei cosiddetti “influencer”, che filmano scenette di famiglia, o mentre indossano abiti alla moda, si truccano ecc…Basta guardarli in video e arrivano montagne di euro. Per i giovani questi sono esempi da ammirare ed imitare. Cosa ci può essere di più bello che ottenere fama e guadagni senza faticare? E noi prof abbiamo un bel dire che nella vita servono impegno e sudore! Siamo “boomer”, incapaci di stare al passo con i tempi e di capire le dinamiche imprenditoriali attuali.

Certo, se fossero tutti come me, Bello figo e influencer sarebbero alla fame, perché manco sotto tortura andrei a cliccare su un loro video, ma si sa, io sono vecchierella e retrograda!

Per questo sono particolarmente contenta del successo di Sinner, perché, in questo mondo pieno di brutture, abbiamo tanto bisogno di ragazzi che trasmettano sani valori ai loro coetanei e facciano tornare anche a noi la speranza per tempi migliori.

giovedì 4 gennaio 2024

Un altro anno è passato...

 Un altro anno è passato e un nuovo anno si è affacciato, con i problemi di sempre, i drammi di sempre, le difficoltà di sempre. Ogni volta speriamo in un anno migliore, poi ci accorgiamo che non è cambiato niente, ma la speranza non ci abbandona mai. E' bello sperare, credere in un mondo migliore, almeno per un momento! Poi si ricominciano a vedere immagini di bombardamenti, di femminicidi, di incidenti...e la speranza crolla. 

Rimane però quella sul piano personale. Forse potrebbe essere davvero un anno migliore...forse!

Per quanto mi riguarda, l'anno passato è stato piuttosto difficoltoso sul piano familiare e, anche se non mi ha toccata personalmente, sapete bene che le preoccupazioni per le persone che si amano possono incidere profondamente sull'animo umano e far sentire come propri i loro patimenti. I primi sei mesi sono stati proprio difficili. Poi la situazione si è capovolta e sono successi parecchi avvenimenti gradevoli, che hanno bilanciato la situazione. Negatività e positività al 50%.

Il 2024 è iniziato come l'anno scorso, in compagnia degli amici di sempre, quelli con cui mio marito giocava da bambino e gli stessi con cui, fin da quando eravamo una giovane coppia ventenne, abbiamo condiviso feste, viaggi, matrimoni, nascite dei figli, funerali di genitori e amici, gioie e preoccupazioni...Dimenticavo! C'era anche il nostro cagnolino, perché ha tanta paura dei botti e non potevamo lasciarlo solo a morire di paura. Ogni anno, a mezzanotte, dalle nostre parti si sentono i colpi dei fuochi d'artificio e lui trema come una foglia, dalla punta delle orecchie alla punta della coda, ma la nostra presenza lo rassicura e il vociare del gruppo, unito alla musica della radio, gli impediscono di concentrarsi troppo sui rumori esterni. 

Il nostro piccolo Terry

 Speriamo comunque  che l'anno prosegua in modo diverso rispetto al precedente, senza tante ansie, in serenità e salute. Abbiamo bisogno solo di quelle, tutto il resto è un di più. 

Propositi per il nuovo anno? Tanto si sa già che svaniranno dopo poco tempo! E poi, alla mia età, è difficile cambiare. Si hanno abitudini consolidate e gusti definiti, ma mi piacerebbe suonare il piano con maggiore continuità, andare a camminare un po'  più spesso, visitare qualche bel posto...Chissà!

E voi, avete iniziato bene il 2024? Propositi?

Buon anno a tutti!