giovedì 20 giugno 2024

Un riccio in giardino.

 Anche quest’anno è tornato a trovarci il nostro amico riccio. Noi, dietro casa, abbiamo una buca nella quale gettiamo gli avanzi della cucina e del giardino: bucce, scorze, torsoli, frutta e verdure andate a male, foglie… La notte, al buio e nel silenzio, arriva il riccio e comincia a mangiare. Io gli lascio anche una tazza d’acqua per potersi dissetare. Per riuscire a vederlo bisogna avvicinarsi lentamente e silenziosamente alla fossa quando è buio e, nonostante non si veda nulla per mancanza di luce, provare a scattare delle fotografie con il flash sulla buca. Tornati in casa si guardano gli scatti e, se è andata bene, eccolo lì il riccio! Già dalla seconda fotografia lo si vede allontanarsi perché disturbato.

Una volta appurato che il riccio ci sia, è bene non tornare più a disturbarlo e, soprattutto, non avvicinarsi con il cane. Per fortuna, intorno alla fossa mio marito ha collocato un piccolo recinto che impedisce al cane di entrare ma, se abbaiasse, sicuramente disturberebbe il nostro piccolo amico, che deve essere riuscito a crearsi un’apertura nel recinto per entrare ed uscire.  

Ora ve lo presento: eccolo!




10 commenti:

  1. Che bellino! Amo quando vengono a farmi visita! In ogni casa dove ho vissuto ho sempre ricevuto visite! Un colibrì, tartarughe e uistitì! Un po' meno quando l'atro giorno ho visto un giaguaro... ma tant'è, fanno parte del pacchetto, ed è affascinante proprio per questo! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accipicchia, pure un giaguaro! Ma dove vivi adesso? So che sei una giramondo!

      Elimina
    2. Sono in Brasile, e vivo in una riserva naturale. Pensa, oggi ho visto una famiglia di capibara! Troppo belli! 😍

      Elimina
  2. io NON sono riuscita a vederne mai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si muovono solo col buio della notte ed è difficile vederli! Una volta avevo lasciato fuori dalla porta di casa le crocchette del gatto e me n'ero trovato uno proprio lì a mangiarle! Mi ero anche spaventata, perché immaginavo fosse il gatto, ma poi, accendendo la luce, avevo visto che si trattava di tutt'altro!

      Elimina
  3. Ospiti graditissimo e raro, così facile da fotografare mentre è impegnato. Arricchisce il sentirsi protagonisti di protezione di animalini così fragili. Loro drizzano gli aculei nel pericolo e noi diventiamo selvaggi come sentiamo aria di bufera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno di noi ha il suo modo per difendersi! Anche certi umani usano chiudersi a riccio o sono pungenti come i suoi aculei!

      Elimina