sabato 23 ottobre 2021

La vigna dei pastelli

 Oggi siamo stati a Coazzolo, piccolo borgo della provincia di Asti confinante con quella di Cuneo e  incastonato nelle Langhe, patrimonio dell’umanità.

 Caratteristiche particolari di questo luogo sono la Chiesetta della Beata Maria Vergine del Carmine, ridipinta dall’artista britannico David Tremlett con la tecnica del Wall Drawing e la Vigna dei pastelli. In questo vigneto si possono infatti ammirare, all’estremità dei filari, dei pali di legno trasformati in pastelli. 

Oggi ne abbiamo pure conosciuto il proprietario che, sopra una botte,  aveva allestito un piccolo banchetto con uva e bottiglie di buon vino in attesa di alcuni ospiti. La particolarità del luogo, il cielo terso, i colori caldi dell’autunno, hanno attirato oggi, come tante altre volte, un buon numero di visitatori, anche stranieri. 

A voi le foto con le meraviglie di questo autunno in Langa.








domenica 3 ottobre 2021

Buon compleanno papà!


 Oggi, 3 ottobre 2021, se mio padre fosse ancora vivo compirebbe centodue anni.

 Mio padre mi aveva detto spesso che non temeva la morte, ma aveva paura della sofferenza. Lui non desiderava vivere grazie all'accanimento terapeutico, ma voleva vivere solo finché ne valesse la pena, potendo sentirsi partecipe degli avvenimenti del suo tempo e della sua famiglia.

In effetti giunse fin quasi ai novant’anni senza mai perdere curiosità, umorismo, interesse per il mondo circostante e compartecipazione alla vita della sua famiglia. Alla fine aveva gravi problemi respiratori, non riusciva quasi più a muoversi per via della mancanza di fiato, ma caratterialmente era rimasto se stesso fino in fondo, sempre uguale all'uomo che conoscevo, protettivo per la sua famiglia, premuroso ed altruista verso gli altri, interessato a tutto ciò che lo circondava.

 “ Accendi la radio e cerca una musica allegra, che non ho voglia di sentire lagne!” mi aveva chiesto appena due giorni prima di lasciarmi.

Lui non sopportava piagnistei e lamentele.
“Nella vita bisogna darsi da fare, è inutile perdere tempo a lamentarsi! Tutto si può risolvere, prima o poi, con volontà ed impegno, solo alla morte non c’è rimedio!”
Ah quante volte me lo sono detta da allora!

In questi undici anni è venuto molto spesso a trovarmi in sogno. Almeno una volta ogni settimana. Proprio stanotte l’ho sognato. Avevo registrato dei brani suonati dai miei alunni su una musicassetta, come facevo spesso, per poi farglieli sentire. A lui piaceva tantissimo ascoltare i miei alunni e teneva in un cassetto tutte le registrazioni dei saggi scolastici. Amava anche molto sentire me suonare. Si sedeva sulla poltrona accanto al piano e ascoltava.

Tornando al sogno, avevo poi portato la musicassetta a casa, ma non riuscivo a trovare le tracce giuste e mi agitavo. Questa no, quest’altra no, ma dov’erano finite quelle giuste? Lui, zitto e paziente, aspettava. Finalmente le avevo trovate. “Ecco, ci siamo, ora si comincia!” Click …e, a quel punto, mi sono svegliata.

 Ciao papà, buon compleanno, ovunque tu sia!

 

mercoledì 1 settembre 2021

Buon nuovo anno scolastico!

Oggi, con i primi collegi docenti in Dad, è iniziato un nuovo anno scolastico.

E’ un mondo dal quale sono uscita, ma a cui emotivamente sarò sempre legata, perché quasi quarantatré anni di vita ed insegnamento non si possono dimenticare.

Tanto ho insegnato e tanto ho imparato in questi lunghi anni. Molte persone ho conosciuto, migliaia di ragazzi ho visto crescere e diventare uomini e donne, continue collaborazioni con i colleghi e il personale scolastico mi hanno permesso di maturare, umanamente e professionalmente.

Sempre ho amato i miei alunni, anche i più discoli, ed è stato proprio quell'affetto per loro che mi ha dato la forza per non mollare mai, per non perdere l’entusiasmo, la voglia di costruire e lavorare insieme.

Io credo di essere una di quelle persone fortunate che, sia dai propri insegnanti che dalle personali esperienze di vita, è riuscita ad “imparare ad imparare”, rendendomi conto dei miei limiti, ma trovando il modo per continuare ad apprendere e conoscere, spinta dalla curiosità e dalla voglia di migliorare.
Non cesserò di farlo, finché ne avrò la capacità e la forza, ed è questo che auguro agli studenti ed ai miei ex alunni: “ Imparate ad imparare e non smettete mai!”

A questo punto, a tutti gli insegnanti che hanno preso servizio oggi, ai dirigenti, ai collaboratori scolastici, al personale amministrativo, ai ragazzi delle superiori che stanno affrontando gli esami di recupero, a tutti gli alunni che inizieranno presto, auguro un sereno, proficuo, collaborativo, interessante anno scolastico e che, soprattutto, sia in presenza e in sicurezza!