domenica 24 dicembre 2017

The show must go on



Ho portato a casa i postumi di un'influenza vissuta in piedi, il naso rosso, la gola infuocata, la voce praticamente scomparsa ma, alla fine, anche quest’anno lo spettacolo doveva continuare e sono riuscita a partecipare al tradizionale saggio natalizio della Scuola con il mio splendido coretto della prima A, raccogliendo applausi ed emozioni.

In sala, un papà mi ha riportato alla mente un momento speciale. Avevo poco più di vent'anni ed ero alle prese con il mio primo, piccolo saggio. Lui era un violinista bravissimo, alto un soldo di cacio e tenero, tenero. Ricordo che venne al saggio con la febbre e mi disse: " Sto male, professoressa, ma sono venuto per lei!" Ah! Certe attenzioni non si dimenticano! E si ricambiano, anche a distanza di anni e per alunni diversi.

C'erano poi alcune mie ex alunne, ora colleghe affezionatissime, e tanti amici, colleghi, genitori...Una bella festa, che mi ha arricchita ancora una volta con la magia della musica, dell'amicizia e della simpatia.

Lo spettacolo, a detta di tutti, è stato grandioso e il migliore degli ultimi anni. L’orchestra, costituita da cinquantacinque elementi, ha suonato alla grande con chitarre, flauti traversi, tastiere, violini, chitarra elettrica, basso e batteria e il coro, costituito dai 25 alunni della prima media, è stato veramente grande, per non parlare delle cantanti soliste, spettacolari!
Età degli esecutori: undici, dodici e tredici anni.
Il programma spaziava dalle colonne sonore di films famosi ( es. Mission impossibile, Sister Act, Il laureato…) a brani classici come “O fortuna” tratto dai Carmina Burana di Orff, a brani natalizi come Last Christmas, Happy Christmas e Christmas lullaby, fino al medley rock “We will rock you - Another brick in the wall - Jump” che ha coinvolto anche il pubblico nel suo ritmo scatenato.
Le repliche sono state ben quattro in una stessa giornata ( ore 11- 14,30- 17- 21) e, per le prime due volte, si è avuta anche la partecipazione degli alunni delle quinte elementari, che hanno portato il coro a ben centosessanta elementi. Spettacolare!

Ora i riflettori sono spenti. Orchestrali, coristi e professori si stanno godendo il meritato riposo  e qualcuno, come me, cerca di curare anche influenza e raffreddore.
Nel cuore un’emozione ed un ricordo positivo in più, perché, come dice anche il grande Uto Ughi,La musica è un linguaggio di fratellanza e l'orchestra è l'embrione della società, perché tutti devono ascoltare anche le voci degli altri.”

Vi lascio l’ascolto di un piccolo video amatoriale. Non è di ottima qualità, ma rende l’idea…
Buon Natale a tutti!



venerdì 8 dicembre 2017

E' ARRIVATA LA NEVE!



Circa una settimana fa è arrivata, anche in pianura, la neve.
I primi fiocchi sono caduti proprio mentre svolgevo l’ultima ora di lezione in seconda A e i ragazzi si sono lanciati a capofitto verso le finestre gridando felici: “Nevica!”

Nel fine settimana ne sono arrivati parecchi centimetri. Il giardino e il cortile si sono trasformati in un tappeto bianco e mio marito ha avuto il suo bel da fare a spalare. La neve rimasta si è trasformata in ghiaccio e, con le temperature di questi giorni, credo che resisterà ancora un bel po’. 

In tutto questo, chi veramente ha goduto della nevicata è stato il nostro cagnolino Terry, sempre pronto a rotolarsi per pulirsi il mantello e darsi una bella grattatina alla schiena.  
Io dico sempre che, chi volesse vedere il vero aspetto della felicità, non avrebbe che da guardare il nostro cane, un animale veramente sereno e felice di stare al mondo.

Eccolo qui, in una serie di scatti immortalati da nostro figlio, sempre pronto a cogliere le opportunità per una bella fotografia. 






domenica 19 novembre 2017

L'autunno e le stagioni della vita.



Non devo andare molto lontano per vedere i colori dell’autunno, basta guardare il mio cortile ricoperto di foglie rosse e gialle.



Sono belli i colori dell’autunno, ma non riescono a darmi la gioia che si meriterebbero.

L’autunno prelude all’inverno, una stagione con pochi colori, con gli alberi scheletrici che volgono le loro braccia nude al cielo, con le giornate piovose o nebbiose, con il freddo… Penso anche all’autunno come ad una stagione della vita, quella che comincia a sospirare sui bei ricordi del passato, dominati da sogni, speranze, vigore e fa già pensare con una certa preoccupazione all’ultima stagione, quella del declino. Successivamente non ci sarà un’altra primavera, non si avrà una rinascita come succede in natura, ma giungeranno il silenzio e l’oblio.


A questo punto, visto che la macchina che porta indietro il tempo non è ancora stata inventata, non resta che “cogliere l’attimo”, vivere il presente gustandone i lati positivi che ancora presenta e non pensare troppo al futuro, immaginando che l’inverno sia ancora molto lontano.


Ogni tanto guardo in televisione, ma mi capita anche d’incontrare persone nella mia città, che hanno effettuato interventi chirurgici per sembrare più giovani. Sinceramente non capisco dove stia la bellezza in quegli zigomi rigonfi, che sembrano nascondere due palline da tennis, o nelle labbra “a canotto”, gonfie come se fossero state punte da un calabrone. La chirurgia estetica è stata utilizzata in periodi abbastanza recenti e ancora non siamo arrivati a vedere signore “rifatte” nell’inverno della loro vita. Quel che si vede nell’autunno è comunque già abbastanza impressionante. La sorella di mia madre, alla bella età di novantasette anni, pur senza rifacimenti, ha un viso molto più fresco e gradevole di certe donne dal viso ricostruito.

Ditemi, facendo un  confronto  tra Donatella Versace, sessantadue anni, truccata e rifatta e mia zia di novantasette, al naturale e mai rifatta, chi vi sembra più bella? 

Donatella Versace, immagine tratta dal web.

 
Mia zia Teresa

In ogni caso, non mi resta che vivere questo nuovo autunno, con un po’ di malinconia verso l’estate passata e un po’ di preoccupazioni per l’inverno che arriverà. Ci sono gli alunni, sempre più vivaci, da istruire, i saggi natalizi da preparare, il sito della scuola da aggiornare, i lavori domestici da svolgere, i problemi familiari da risolvere. Tutto come sempre, come succede da tantissimi anni, ormai. L’unica novità è data dalle cure dentistiche cui mi sto sottoponendo, che mi stanno alleggerendo il portafogli in maniera impressionante. Anche queste sono un regalo dell’autunno della vita di cui farei volentieri a meno, ma devo pensare positivo e immaginare che possano regalarmi un nuovo, smagliante, sorriso.




Avanti, sempre avanti!