sabato 27 ottobre 2012

Ricordi in pillole.



Mi sono ammalata. Da alcuni giorni sono a casa dal lavoro e mi sento veramente a pezzi. Ieri poi, ho avuto una crisi di emicrania tremenda che mi ha costretta a letto tutto il giorno. Ora sto meglio, ma ho ancora un po' di febbriciattola e questo senso di spossatezza che fa apparire molto più appetibile il divano rispetto al computer.

 In questi ultimi tempi voi, amici bloggers, vi state presentando, raccontando un po' di voi e vorrei farlo anch'io, ma ancora non mi sento, perciò andrò sul revival e,  per chi mi conosce da poco tempo e non l'ha ancora letta, pubblico nuovamente la storia dei miei primi anni di vita, quelli che resteranno sempre nel mio cuore come i più belli, fatti interamente di puro amore e gioia, in attesa di scrivere il resto la prossima volta.
Buona domenica e buona settimana a tutti.

Ricordi d'infanzia al tiro a segno


I più bei ricordi della mia infanzia risalgono al primissimo periodo, da quando avevo iniziato a capire e a memorizzare ciò che mi circondava, fino ai cinque-sei anni circa.
E’ incredibile come si siano fissati nella mente quei ricordi così lontani nel tempo!
Essi sono legati ad un luogo particolare, che io amavo moltissimo: il tiro a segno.
Il tiro a segno visibile in fondo al viale alberato
Non si tratta del tiro a segno di un luna park, come qualcuno potrebbe pensare, ma di un poligono di tiro demaniale, in cui i militari di leva si recavano per le esercitazioni durante il periodo di addestramento.
I miei nonni erano stati, fin dai tempi antecedenti alla seconda guerra mondiale, i custodi di quel luogo e le loro quattro figlie e tutti noi nipoti eravamo nati là, nella grande , vecchia casa demaniale.
Mio nonno e le sue quattro figlie
 Il tiro a segno si ergeva solitario in aperta campagna, tra campi di grano e di trifoglio; l’ingresso era costituito da un lunghissimo viale alberato da secolari ippocastani e ricordo che la mamma usava spesso raccontarmi che la mia nascita era avvenuta all’ombra di un ippocastano (differentemente dal tradizionale cavolo! )
C’erano vasti spazi: un grande cortile, la vecchia casa piena di stanze, tra cui una grande cucina, una sala da pranzo stile "trattoria” e una cantina sotterranea buia, profonda e misteriosa. Poi c’era l’edificio del tiro a segno, con lo stemma della Repubblica e la bandiera svettante sulla cima, tante porte che nascondevano uffici, armadi pieni di fucili, luoghi che mi apparivano misteriosi…
Io, a tre anni, nel cortile del tiro a segno.
Ricordo che, aprendo una porta , si accedeva ad una stanza senza soffitto che, al posto del pavimento, aveva un prato verde ricoperto interamente da margherite…nei ripostigli poi, si scoprivano sempre nidiate di gattini e gli oggetti più strani…c’erano persino un monopattino ed una bicicletta-tandem!
Dietro l’edificio si trovava una serie di alti cumuli di terra ricoperti di arbusti, trifoglio, piantine di menta e fiori selvatici, che servivano a fermare le “pallottole vaganti”. Sotto a queste collinette si trovavano le trincee, dove gli uomini preposti a quella attività, alzavano e abbassavano, attraverso una specie di carrucola, i bersagli per i tiratori. Tutto intorno c’erano i campi di grano coltivati dal nonno.
Papà ed io nei campi del tiro a segno
Una volta all’anno scendevano dalle montagne i pastori per portare le greggi a pascolare nei prati circostanti. C’era un’apertura in una siepe ed io potei avvicinarmi a loro. Conobbi una bambina della mia età chiamata Graziella ed insieme trascorremmo giorni a giocare con gli agnellini. Chissà dove sarà adesso!
D’estate, i generi e le figlie venivano ad aiutare il nonno per la trebbiatura e poi si facevano delle grandi feste. Durante il lavoro, la nonna mi teneva compagnia all’ombra delle grandi e odorose colline sovrastanti le trincee e mi raccontava molte storie. 
Nonna Ghitina
 Tutte le domeniche parenti ed amici arrivavano dalla città per la classica merendina…nonna Margherita, detta “ Ghitina” era uno scricciolo di donna, ma abile ed attiva e nonno Toni era un uomo apparentemente burbero, ma dal cuore d’oro. Avevano tantissimi amici e non c’era domenica che non avesse la sua festa. Benchè si fosse agli inizi degli anni ’60, la zona era così solitaria che ancora non era stata raggiunta dalla corrente elettrica, perciò la gente ballava alla luce di grandi lampade a gas, e la musica proveniva da un vecchio grammofono a 78 giri. 

Il nostro vecchio grammofono. Lo conservo ancora.
A turno si girava la manovella per dargli la carica ( a volte qualcuno girava troppo in fretta e le voci maschili diventavano femminili….) e, ogni due facciate del disco, bisognava cambiare la puntina. C’era un’atmosfera così familiare, gioiosa e calda in quei momenti, mentre le lunghe ombre si proiettavano sui muri e le risate risuonavano nelle stanze!
Poi cominciavo a dare segni di stanchezza e zia Lucia mi accompagnava in un immenso letto, per farmi sprofondare in un morbido cuscino di piume d’oca e per cantarmi la ninna nanna. Ricordo ancora adesso il suono della sua voce e le mie sensazioni di allora: era una voce cantilenante, lamentosa, ma anche rassicurante e piena d’amore e presto mi addormentavo, sognando di danzare alla luce delle grandi lampade.

Per quel che ricordo, questa somiglia alle lampade dei nonni.
Riconosco, col senno di poi, che la vita non doveva essere facile per i miei nonni in quel luogo così isolato e privo di comodità, ma per me, bambina piccolissima, era un luogo magico. I nonni si sentirono in seguito effettivamente troppo vecchi per continuare a fare i custodi e lasciarono il posto ad altre persone più giovani, così il mio breve sogno, ben presto naufragò.

Non ho mai dimenticato il tiro a segno: ci sono tornata qualche volta da adulta, con la scusa di far vedere al mio bambino il luogo della mia nascita. Il nuovo custode ci ha permesso di visitarlo e ci ha spiegato tutte le innovazioni apportate nel corso degli anni. Adesso è un circolo privato , un moderno poligono con attrezzature all’avanguardia, settori specializzati e armi sofisticate.


Non mi sembra più così grande e sconfinato, adesso sono cresciuta e i miei orizzonti si sono allargati. Intorno sono state costruite abitazioni, cascine , capannoni e la strada è stata allargata e asfaltata.
Sono rimasti però i campi di grano, il profumo di menta selvatica, le collinette ricoperte da arbusti e fiori di campo, dove un falco costruisce ancora, ogni anno, il suo nido, da cui spicca superbi voli planari.
E sono rimasti i ricordi della famiglia patriarcale, con le sue sensazioni di affetto, di solidarietà e di calore umano.

Non si possono dimenticare le proprie radici!


21 commenti:

  1. Ciao Katerine, che racconto stupendo che hai fatto della tua infanzia e dei tuoi nonni, con bellissime fotografie e storie di tempi passati. Sono ricordi preziosissimi ed è bello vedere che continuano a vivere dentro di noi. E' vero la vita allora era dura e doveva essere una grande fatica tirare avanti soprattutto quando si era obbligati a vivere così isolati. Però sempre più spesso mi chiedo se non era meglio quando tutto era un po' più difficile...quelle feste erano feste vere, le domeniche con i dischi a 78 giri erano gioiose davvero...non so, adesso sembra che più nessuna sappia come si fa ad essere sereni...
    Ciao, veramente bello, buona domenica.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ero piccola, ma ricordo bene i visi sorridenti intorno a me, sento le risate, la musica...Sicuramente quelle persone, conoscenti, parenti, in quelle feste domenicali erano felici. A quei tempi la vita era più semplice, c'erano meno invidie, gelosie, confronti e si era capaci di divertirsi con poco.In quanto a me, se anche il ricordo dovesse ingannarmi, basterebbe guardare la mia espressione nella fotografia con mio padre, nei campi del tiro a segno, per capire che ero veramente molto, molto felice.

      Elimina
  2. E' strano come, tornando sui luoghi della nostra infanzia, ci colpisca sempre l'estensione; ciò che prima ci sembrava smisurato, ora ci sembra ridimensionato, addirittura piccolo! Cambia la percezione delle cose, ma i ricordi, quelli belli, loro rimangono intatti nel nostro cuore.

    Belle foto, bei ricordi, bel post.
    Rimettiti prof.! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una riflessione che ho fatto anch'io. Il tiro a segno è circondato da alte siepi e, da bambina, non riuscivo a vedere dall'altra parte, da adulta invece sì, ed è forse per questo che le dimensioni mi sono parse diverse.Cambiando l'altezza ho un'altra prospettiva e allora ero veramente molto piccola. Eppure le emozioni erano così forti che le ricordo ancora oggi come se fosse ieri, mentre mi danzano davanti le immagini come flash improvvisi. Non riesco più a sentire le parole e vorrei tanto ricordarmi i racconti della nonna o i discorsi durante le feste.

      Comincio a stare meglio,grazie!

      Elimina
    2. Anche per me, se ripenso ai prati dove giocavo nell'infanzia, mi parevano immensi, ma in fondo eran dei praticelli.
      Mia sorellina era convinta che noi avevamo una lavastoviglie verde. Convinta al 100%. Ma la lavastoviglie era color crema. Solo che aveva un filetto verde, all'altezza dei suoi occhi....
      Buona ripresa tra i campi elisi dell'infanzia

      Elimina
    3. Hai ragione. E' incredibile come possano apparire diversi gli stessi luoghi cambiando altezza ed età. E poi, quando si è piccoli, tutto appare grande. Il tiro a segno è grande, ma non immenso come lo ricordavo, e un po' è stata una delusione. Ma è sempre stato un luogo magico. Anche mia nonna, quando stava per morire, ha cercato di scappare di casa per andare al tiro a segno, e anche mia madre, fin che ha avuto un attimo di lucidità, l'ha cercato. Vuol dire che in quel posto sono trascorsi i loro anni più belli, sono nate le emozioni più vere, e nessuno che le abbia provate riuscirà mai a dimenticarle.

      Elimina
  3. Bello e ben scritto,
    tornerò a leggere. Ciao.

    RispondiElimina
  4. Benvenuto sulle pagine del mio blog! Mi fa piacere il tuo apprezzamento. Se vuoi leggere altre storie simili, sempre rigorosamente vere, puoi guardare in alto nelle più belle storie vere di Katherine. Ne ho pubblicate due.
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  5. accidenti che bella infanzia!!!... ma allora Haidi esiste!!! Eri tu e la tua amichetta... he he

    Dolci ricordi... è stato molto bello leggerti! Ciao

    RispondiElimina
  6. Eh sì! Magari non proprio Heidi, ma la piccola casa nella prateria!

    RispondiElimina
  7. Ci vorrebbe un servizio al tg di Tom e Ben!! :-)

    RispondiElimina
  8. Troppo simpatici quei due personaggi! Chissà cosa direbbero! :)

    RispondiElimina
  9. Che bel racconto!
    Grazie per aver condiviso questi ricordi.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Paola! Grazie a te per avermi letta. Spero che tornerai e cercherò anch'io di venire da te!

      Elimina
  10. Ciao mia cara, mi sono imbattuta nel tuo blog e, da collega, amo molto seguire i racconti virtuali di chi come me vive il suo tempo fra le mura di un Istituto. Cristina, docente di lettere alla scuola "media".

    RispondiElimina
  11. Ciao collega, mi fa piacere incontrarti. Verrò anch'io a leggerti. A presto!

    RispondiElimina
  12. Come sono belli questi post, Katherine. Che bella infanzia e che atmosfera avevano le cose per te. Erano musica da subito.

    RispondiElimina
  13. Sì, hai ragione. Forse erano momenti così belli perchè ero piccola e vedevo tutto con occhi incantati, ma questi sono i ricordi che mi sono rimasti nel cuore e voglio credere che la vita allora fosse veramente bella così.

    RispondiElimina
  14. Eravano noi ad essere piccini, e ogni luogo fatto a misura di adulto ci pareva sconfinato. È successo anche a me, e credo che un po' accada a tutti.
    Così come è normale avere ricordi vividi dell'infanzia... ma saperli raccontare come hai fatto tu non è da tutti.
    Un bacione, tuo
    Cosimo

    RispondiElimina
  15. Davvero un bellissimo racconto!! Mi fa venire in mente il verso di una canzone che dice "quando la vita era più facile, e si potevano mangiare anche le fragole". Passo quasi tutti i giorni davanti al poligono durante le mie passeggiate quotidiane, ma non avrei mai immaginato che quel cortile alberato potesse celare così tanti bei ricordi di una bambina. Grazie per averli voluti condividere :-)

    RispondiElimina