mercoledì 31 ottobre 2012

Un po' di me...



Ho superato la boa del mezzo secolo e, anche se la cosa mi fa parecchia impressione, almeno nello spirito mi sento molto più giovane ( ma il mio corpo non è troppo d'accordo...)

Sono nata il 30 giugno, in una calda notte d'estate e sono rimasta figlia unica. Sono stata molto amata e tanto ho amato. Tutti coloro che entravano a casa nostra lo percepivano e dicevano: "Quanto ti devono amare i tuoi genitori! Si vede da come ti guardano, da come ti ascoltano..." Era vero, e anch'io lo sapevo. Eppure i miei genitori non mi hanno mai viziata. Mio padre era dolcissimo, ma sapeva essere autorevole quando necessario e i suoi "No" erano categorici ,mentre mia madre non lo contraddiceva mai nelle decisioni. Non erano nemmeno tipi da abbracci e baci. Non ricordo che l'abbiano mai fatto. Loro erano "presenti",  si interessavano a ciò che facevo, mi incoraggiavano, mi aiutavano come potevano, ma non mi lodavano mai. Per loro andava sempre "abbastanza bene" e, a volte, questo mi faceva arrabbiare.

Io, a cinque anni.
 Non ci è mai mancato il necessario, ma il superfluo era un lusso che non potevamo permetterci. Ad esempio, non avevamo la macchina. Papà diceva che non era necessaria, visto che dovevamo solo spostarci in città, e così tutti andavamo in bicicletta: lui al lavoro, io a scuola, mia madre a fare la spesa. Avevamo la casa nostra, ma non i termosifoni, e papà scendeva la mattina presto per accendere la stufa. Però siamo stati i primi ad avere la televisione, perchè "era cultura", e i vicini venivano a casa nostra per vedere le trasmissioni, sull'unico canale di allora, mentre io, tra i quattro e i cinque anni, imparavo a leggere e scrivere correntemente dal famoso Alberto Manzi, con la trasmissione "Non è mai troppo tardi". Da quel momento, a casa nostra, i libri non sono più mancati.
Mio padre, che andava a lavorare in bicicletta anche in pieno inverno.
 Un altro "lusso" furono le lezioni di piano, tipiche delle signorine di buona famiglia di allora, non certo dei figli degli operai e delle sarte. Mia madre aveva in mente di farmi diventare maestra e si ricordava che, ai suoi tempi, gliene piaceva tanto una che veniva nella sua classe per insegnare le canzoncine, perciò io avrei potuto essere come lei e fare felici tanti bambini.
In mezzo a tutte le signorine "bene" della città, poco avvezze alle fatiche dello studio, io, a otto anni, emersi subito, tanto che gli insegnanti mi proposero persino di darmi lezioni gratis, purché non smettessi. Fu così che presi, ancora preadolescente, la decisione di diventare insegnante di musica. 

Attraverso il loro esempio, i miei genitori mi hanno insegnato a portare a termine gli impegni presi, a mantenere la parola  data, a essere parsimoniosa, a non giudicare gli altri, a vedere il lato positivo delle cose, a rispettare persone, animali e cose ma, sopratutto, ad amare e a sentirmi felice per ciò che ho e che riesco a conseguire con l'impegno e il sacrificio. 

I miei genitori ridevano spesso e trasmettevano allegria.
 Da ragazza ero molto timida e mio padre mi spingeva a uscire, ad andare a divertirmi, piuttosto che stare in casa a leggere. Fu così che, dopo sua insistenza, a diciannove anni andai ad una festa dove conobbi un ragazzo della mia età e "festa fu galeotta". Dopo cinque anni di frequentazione ci sposammo e, da allora,  siamo ancora insieme.
Ieri sposi...
 Abbiamo un figlio di venticinque anni, laureato, che pratica diversi sport, è appassionato di fotografia e suona la chitarra. 
Fotografia, che passione!

 Abbiamo anche un cane, volpino Spitz, ancora cucciolo, che ne combina di tutti i colori.
Terry adora mio marito, non lo molla un istante!
All'appello possiamo anche aggiungere mia madre, malata di Alzheimer da sette anni, che vive in un mondo tutto suo. Tanto amore ho ricevuto, tanto sto restituendo.

Insegno musica da anni nella scuola della mia città, in provincia di Cuneo, la stessa che avevo frequentato a mia volta.

Non sono un tipo particolarmente sportivo, ma mi piace camminare, andare in bicicletta ( non in salita però!) nuotare e, comunque, non sono una che stia sempre ferma.

Mi piace tutta la musica, ma non amo troppo il rock duro o la musica assordante. Quando studiavo pianoforte mi dissero che ero un'interprete piena di fuoco e passione e, in effetti, ho sempre odiato Debussy, che mi costringeva ad essere "eterea ed evanescente", proprio perché non sono riuscita ad esserlo mai.

Sono una che mangia poco, pertanto non amo cucinare, però lo faccio "per dovere" e me la cavo discretamente. Non mangio il gorgonzola, i formaggi stagionati o puzzolenti e i cetrioli, i cibi particolarmente grassi. Quando vado ad un pranzo, passo direttamente dagli antipasti al dolce e alla frutta.

Sono cattolica, ma "tiepida". Vorrei tanto che mio padre avesse creduto nell'aldilà e mi avesse promesso di aspettarmi e vigilare su di me.  Sarebbe molto più facile accettare la sua assenza, ma lui è sempre stato così: non prometteva niente che non fosse sicuro di mantenere.

Amo la campagna, i grandi spazi, il mare. La montagna m'intristisce e non mi fa sentire bene. 

Rido, piango, mi commuovo e mi arrabbio quando leggo un libro o guardo un film. In questi ultimi anni mi sono vietata qualsiasi lettura o film che tratti argomenti violenti o di guerra perchè mi fanno stare troppo male. E' una sofferenza non solo mentale ma, addirittura, fisica e questo non va bene.

Da più di otto anni sono una blogger, parlo e scrivo tanto...sono fatta così!

28 commenti:

  1. Il maestro Manzi...non è della mia generazione, ma quanto mi hanno appassionato le sue trsmissioni recuperate nel web!
    Descrivi i tuoi genitori così coem vorrei essere io con i mei figli, persone con il senso della misura, del sacrificio e dell'impegno, che sanno distinguere necessario, lusso e superfluo; persone che sostengono ma non viziano, che amano ma non la danno vinta....ma, anche tu sei mamma....che fatica, vero?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, hai ragione. Io credo che i miei genitori siano stati molto bravi, ma io non lo sono altrettanto. Chissà, forse questi anni hanno troppi stimoli, altre difficoltà...Non è affatto facile il mestiere di genitori, assolutamente!

      Elimina
  2. Abbiamo tante cose in comune...le cose che si facevano che andavano sempre solo "abbastanza bene", le trasmissioni del maestro Manzi, la passione per la lettura nata in età precoce, anch'io ho studiato il piano forte e ho avuto del genitori di grande integrità che non promettevano mai se non erano sicuri di poter mantenere. Un bellissimo post Katerine che commuove e avvicina. Che amore quel volpino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonella, che bello scoprire di avere così tante esperienze in comune!Il web sembra tanto grande ma, alla fine, si riescono sempre ad incontrare persone affini, proprio come succederebbe nel mondo reale. Ah quegli "abbastanza" quanto mi hanno fatta arrabbiare!Adesso si vedono genitori che lodano i figli per la minima cosa, senza che lo meritino veramente, e noi invece ci sentivamo sempre deluse, perchè niente era mai veramente degno di nota!Eppure, col senno di poi, credo che siano proprio quegli abbastanza ad averci dato la forza di combattere sempre per ottenere ciò che volevamo, senza arrenderci mai e senza diventare presuntuose.
      Un abbraccio!

      Elimina
  3. Mi e' piaciuto tantissimo leggere questo post, trasuda amore e serenità da tutti i pori. Una sensazione bellissima... Adesso ho anche capito la tua scelta di insegnare musica, scelta non comune e non facile. Pura passione. Mi è piaciuta la tua infanzia e gli insegnamenti dei tuoi genitori. Bello... grazie cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avere avuto la pazienza di leggere questo chilometrico post e per la tua amicizia!

      Elimina
  4. Felice di ri-conoscerti Kat. Sincera e tenera, affettuosa e disponibile, insomma una cara, cara ragazza! E che belli i tuoi uomini, il tuo papà, il tuo amore, il tuo figliolo! Una bella famiglia, una bella ed elegante signora innamorata della musica, della natura, degli animali animali e del blog! ;-)
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di trovarti sempre qui, ad incoraggiarmi e gratificarmi! Abbraccio ricambiato e grazie per la tua amicizia!

      Elimina
  5. Mi ha fatto piacere leggere un po' di te, sia in questo post che nel precedente... Penso sia bello anche parlare un po' di noi, nei nostri blog, per conoscerci meglio e trovare affinità o differenze... Tutto può essere utile e fonte di esperienza... Per certi versi la tua fanciullezza somiglia alla mia.... Sono stata figlia unica per oltre dieci anni, amata anch'io moltissimo, fin troppo forse, ma mai viziata... E anche i miei non amavano lodarmi, specie se ero presente... Anch'io ho preso lezioni di piano, ma solo privatamente. Qua potevo scegliere tra il Liceo Classico o la Ragioneria... Naturalmente, ho optato per il Liceo... E basta così , non voglio annoiare chi viene a leggerti.
    Ti saluto caramente e ti auguro una buona giornata di Ognissanti.

    RispondiElimina
  6. Paola, ultimamente molti bloggers che conosco hanno parlato di sè, e ho voluto farlo anch'io, per la prima volta dopo quasi nove anni. Noto un cambiamento nei bloggers di oggi: una volta erano molto più chiusi, parlavano di argomenti generici, tenevano separate la vita reale da quella virtuale. Oggi molti non usano nemmeno più un nick, ma addirittura il nome e il cognome e non si nascondono più come una volta. In fondo, il web è come la vita, e si finisce sempre per cercarsi e trovarsi tra persone affini, che condividono gli stessi valori e sentimenti.

    RispondiElimina
  7. Cara Katherine, sei proprio una bella persona, i tuoi genitori erano meravigliosi genitori, concreti e protettivi educatori.
    Un bel ritratto.

    Bellissimo il template, complimenti e complimenti anche per la tua famiglia!
    Un abbraccio Renata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Renata, i miei genitori erano concreti e protettivi educatori. Io ho cercato di essere come loro, ma non so se ci sono riuscita.
      Abbraccio ricambiato!

      Elimina
  8. felice di conoscerti! (e non da ora!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi mi conosce anche su facebook mi conosce già meglio. Felice di ritrovarti anche qui!

      Elimina
  9. Ma che meraviglia, che famiglia stupenda, che fotografie, che vita riuscita in amore verso tutti: il papà che è passato oltre, la mamma con l'Alzheimer, il figlio, il cagnolino birbante in braccio a tuo marito. Vorrei tanto sentirti suonare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Domenica Luise, in quanto a suonare sono un po' arrugginita e non suonerò mai più come quando ero giovane, ma me la cavo!
      Un abbraccio!

      Elimina
  10. Ogni vita è una storia, come fosse un romanzo; è stato bello poter leggere la tua, soprattutto perchè la realtà è migliore di qualunque storia di fantasia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, spesso la realtà è migliore della fantasia, e spesso la fantasia prende spunto dalla realtà. Ogni vita è una storia e sono felice che la mia ti sia piaciuta.

      Elimina
  11. Grazie per questo racconto. Mi piacciono questi racconti.
    Ti sei ripresa dunque....
    È particolare vedere questo tempo che trascorre, del papà che tiene la bicicletta, poi sua moglie sulle gambe, voi prima sposi e poi con il bambino e il cucciolo.
    Si cresce insieme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, il tempo corre e sto cominciando a pensare che il mio sia passato un po' troppo velocemente. Sembra ieri che mio figlio fosse nella culla e adesso è un uomo. In quanto a mio marito, si può proprio dire che siamo cresciuti insieme.

      Elimina
  12. Mi è piaciuto molto leggere la tua storia, ti sento vicina forse perché abbiamo un carattere simile. No di certo per la tua propensione musicale, io sono negata. Non mi ricordavo che fossi figlia unica, infatti, come dici tu non ne hai le caratteristiche tipiche. Nella vita hai sempre dovuto lottare per conquistarti qualcosa. Sei stata fortunata però a vivere circondata dall'amore dei tuoi genitori, dalla loro allegria che ti ha contagiato e alla fine è l'essenziale per vivere affrontando ogni problema con serenità. Un caro saluto

    RispondiElimina
  13. Sì, i miei non mi hanno allevata come una figlia unica, perlomeno non per quanto riguarda i vizi. Sono stata molto amata, ma mi è stato insegnato che, quando si vuole qualcosa, bisogna guadagnarselo. Però, alla fine,che soddisfazione quando si raggiunge l'agognata meta!
    Sono felice di sapere che ci assomigliamo!

    RispondiElimina
  14. bello il tuo racconto, è anche un bellissimo omaggio all'amore dei tuoi genitori e all'amore in generale. ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Amoleapi, grazie per essere qui.

      Elimina
  15. Bella la tua storia e mi aspettavo una infazia felice e in un ambiente sereno e affettuoso, sennò te da dove uscivi? :-p
    Assomigli tantissimo alla tua mamma o sbaglio? Complimenti per il marito e il figlio :-)
    Un giorno dovrò seguire il tuo esempio anche io e raccontarmi
    Baci
    Elisa

    RispondiElimina
  16. Elisa, davvero assomiglio alla mia mamma? Io non me ne sono mai accorta, sarà perchè lei è sempre stata piuttosto grassottella e io no.
    Se scriverai di te verrò a leggere volentieri!

    RispondiElimina
  17. Mi ha fatto sorridere il tuo incipit, quasi quasi potrei parafrasarlo al contrario: "Sono nato il 27 Dicembre, in un freddo giorno d'invernmo..."; però, come sai, sono rimasto figlio unico anch'io...
    Baci, tuo
    Cosimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Cosimo, tra figli unici ci s'intende! ;) Baci ricambiati!

      Elimina