sabato 2 marzo 2013

Nove anni di blog!


Non  ricordo il giorno esatto, ma so che nel marzo 2004 nasceva il mio primo blog sulla piattaforma blogger, poi traslocato su Splinder alla chiusura di blogger e, infine, reindirizzato su Blogspot, con copia su Iobloggo, alla morte di Splinder. Qualcosa è andato perso, con tutti questi traslochi, molto è scomparso dal web e rimasto solo sul mio pc, ma resta il fatto che la mia avventura da blogger prosegue ormai da nove anni.


Con la nascita dei social network ho visto, nel corso del tempo, la scomparsa, si può dire totale, dei blog giovanili ed adolescenziali, tanto dark e gotici, ma anche di quelli di molti bloggers adulti, e ho sofferto per la morte reale di alcuni bloggers, come Sebastiano e Anna staccato Lisa, (entrambi malati di cancro) che, fino all’ultimo, hanno comunicato con i loro amici, pur se molto sofferenti, dando a tutti quanti una grande lezione di vita. Sebastiano aveva novantadue anni  e Annalisa trentatrè.

Ho visto anche un comico trasmettere, attraverso un blog, tutta la sua rabbia e la voglia di cambiare a folle oceaniche, riuscendo ad ottenere consensi impensabili alle recenti elezioni. Non ci resta che sperare che, nella realtà, questa rabbia si trasformi in progetti concreti e utili, magari poco teatrali e spettacolari, ma efficaci a salvarci dal baratro. Non si può sempre gridare e criticare, spesso bisogna anche rimboccarsi le maniche e fare di necessità virtù, provando a trovare un accordo anche con chi ci sta antipatico.

Che cosa ho imparato io in questi anni?

Che pensare di far funzionare un blog didattico è pura utopia. I ragazzi non hanno alcuna voglia di commentare, produrre post, leggere articoli, soprattutto se a proporlo è l’insegnante di musica. Magari, se l’idea venisse dall’insegnante di lettere e ci fosse un voto per chi posta qualcosa, chissà… Loro danno un’occhiata, scrivono: “C’è qlcn? C’è nssn? All nn vng più!” Vai a spiegare che il blog non è una chat e che non è adatto alle abbreviazioni tipo messaggio del cellulare… Facebook è molto meglio! Ne ho creati molti per le mie classi ma, dopo l’entusiasmo iniziale, non sono mai decollati.

Ho imparato che possono nascere amicizie durature nel tempo, ma che molte possono interrompersi dall’oggi al domani, senza saluti, ne’ giustificazioni. Alcuni riappaiono, quando meno ce li aspettiamo, attraverso una mail o sui social network , ed è sempre un piacere ritrovarli, conoscendone altresì il nome vero e vedendoli in fotografia.  Altri riappaiono, per scomparire di nuovo e per sempre.

Ho imparato che amici virtuali e reali possono convivere felicemente nel nostro cuore e che, spesso, ci si dimentica davvero del fatto che alcuni non li abbiamo mai visti di persona perché, dopo aver letto per anni i loro post, ci sembra di conoscerli persino meglio di quelli reali. 

Mi sono resa conto che gli uomini che ho incontrato nel mondo virtuale, esattamente come quelli del mondo reale, pensano che il loro punto di vista sia, praticamente sempre, più giusto del mio.  :(

Ho conosciuto persone dotate di grande forza morale, che affrontano quotidianamente e con coraggio molte difficoltà e sulle quali la vita si è accanita spesso in modo ingiusto e crudele; persone che  mi hanno insegnato a vedere la vita da angolature diverse; amici che mi hanno aiutata quando ho chiesto un consiglio e che mi sono stati vicini nel momento più duro, quando mio padre mi ha lasciata, gli stessi che si preoccupano se non mi vedono postare o commentare da un po’ di tempo e mi mandano un messaggio per chiedermi: “Come stai?” 

Qualcuno si è allontanato tanto, pur senza scomparire. E' diventato laconico e telegrafico. Qualcosa ha intaccato quella voglia di comunicare a lungo e con cameratismo, di scherzare come un tempo. Forse problemi di lavoro, di relazione sociale, di salute… Magari si sono semplicemente stancati di me. La vita e  il tempo cambiano le persone e non si può fare nulla per ritrovare l’antico feeling, soprattutto stando dietro ad uno schermo.

Tutto sommato è stata un’esperienza positiva, dimostrata dal fatto che sta andando avanti da nove anni.

Grazie a tutti voi per esserci e per avermi insegnato ad essere migliore.

37 commenti:

  1. Buon compleanno allora.
    Un blog didattico.... mi pare che all'artistico abbiano provato a fare questa iniziativa, ma ognuno deve realizzare il proprio, e poi interagire con gli altri e con quello dei prof.... dovrei sentire il mio amico su come procede esperimento.
    Splinder era stato il punto di partenza per molti blog.
    buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Riccardo!
      Purtroppo sento tutti che si lamentano sui blog didattici. Penso che dovrebbero interessarsi tutti i docenti del consiglio di classe e stimolare gli alunni sia a produrre in modo autonomo che a prelevare materiali pubblicati dagli insegnanti. Un solo docente, per di più non di lettere, non è sufficiente a mantenere vivo l'entusiasmo.

      Elimina
  2. Auguri!!! A te e al tuo blog, che possa andare avanti ancora per molto tempo! Si sta bene in questo mondo virtuale che poi, tanto virtuale, a volte, non è. Ci si può allontanare per periodi più o meno lunghi, ma si torna sempre a trovare le persone che ci hanno colpito per particolari motivi.
    Buon proseguimento , allora, e buona domenica. Cari saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola! Ormai mi sono affezionata a voi amici virtuali e non potrei lasciarvi senza soffrire di nostalgia, pertanto mi sa che dovrete sopportarmi ancora per un po'!

      Elimina
  3. Ma come hai fatto?
    Nove anni, ma ti rendi conto? è una eternità.
    pensa che io chiudo bottega il prossimo mese
    o giù di lì.
    Lascio solo quello dei film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai, ci siamo conosciuti da poco e già vuoi chiudere bottega? Fai conto di sparire anche tu come tanti altri? Non farmi questo brutto scherzo!

      Elimina
  4. Ciao Katherine, e auguri..sei la blogger più longeva che conosca!!
    Io ti seguo da poco, ma per me è sempre un piacere leggere i tuoi post..magari non commento molto, perchè al momento non mi viene niente da dire ..ma poi, durante la giornata, rifletto su quanto hai scritto..del resto sono una che ama parlare "con le mani" più che con le parole...
    Un grande, seppur virtuale, abbraccio e...continua...mi raccomando!!
    Buona domenica!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per la tua presenza! Abbraccio virtuale ricambiato!

      Elimina
  5. Ciao, nove anni? E' davvero un tempo lunghissimo...Hai davvero conosciuto tante persone in questo periodo e fatto tanti progetti...e perso per strada altrettante persone, proprio come nella vita reale...e forse è proprio questa "continuazione" della vita reale che ci fa amare così tanto il blog.
    Buon complebolg, tantissimi auguri per altri anni di incontri e amicizie.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, nove anni sono tanti...eppure non sono ancora andata via. Evidentemente mi avete sempre fatta sentire bene!
      Grazie degli auguri e buona continuazione anche al tuo blog!

      Elimina
  6. Be', dai, io ti batto. Ho aperto il mio primo blog nel dicembre del 2003 su Excite, e si chiamava, già allora, avocado. L'ho chiuso un anno dopo, circa, e non ne ho riaperto un altro, quello attuale, fino al maggio 2008. Concordo con te sul sostanziale fallimento del blog scolastico: nche noi, all'Einaudi, ci abbiamo provato, ma è non è andata perchè i ragazzi si stancano in fretta di tutto. Per il resto, si leggono tante storie, si incontrano tante vite, si incrociano tante sofferenze 8 penso alle ragazze di oltreilcancro)e io credo che sia prudente non voler trasformare un contatto blogghesco in incontro reale, perchè è anche bello circondare di un velo di mistero un altro palpitare di vita.
    Ciò non toglie che nel caso capitassi ad Alba sarebbe anche simpatico conoscerci :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Battuta! Eppure ci siamo conosciute solo da poco, pur vivendo a pochi chilometri di distanza. E pensare che ho anche frequentato un corso di aggiornamento all'Einaudi e magari ci siamo pure incrociate! Chissà che non succeda ancora...Ogni tanto vengo a spasso ad Alba, soprattutto la domenica.
      Qualche bloggers l'ho anche conosciuto davvero e, tutto sommato, è stata una bella esperienza.

      Elimina
  7. Credo che ne sia valsa la pena, Kat, se sei ancora qui a raccontarci di te e delle tue emozioni. Nove anni, ma sei ancora fresca come il primo giorno ed è un piacere averti qui.

    Un abbraccio, cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero, molti bloggers mi hanno detto di essere cambiati in tutti questi anni e che la cosa è normale. Evidentemente io non sono troppo normale, visto che sono rimasta sempre la stessa. Chissà...forse avrò la sindrome di Peter Pan!
      Comunque sono molto felice di essere rimasta e di poter avere te tra i miei amici, perchè sei una delle più belle persone che abbia incontrato.
      Abbraccio ricambiato!

      Elimina
  8. Grazie per questo post! Mi ha fatto ricordare che ho dimenticato il compleanno del mio Blog: cinque anni il febbraio scorso. Pazienza. Anch'io qualche volta latito e sembro assente. In realtà non dimentico nessuno degli amici e ti penso anche molte volte quando mi capita di parlare con qualcuno che ha i tuoi problemi e ho sempre parlato di te ai miei nipoti che frequentavano le medie.
    Forse non scriveremo più come prima, ma l'attaccamento al nostro Blog e agli amici rimane. Un abbraccio.
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon compleanno anche al tuo blog allora! E grazie per pensare a me e per aver parlato di me ai tuoi nipoti.
      E' vero. Il tempo è poco e non sempre scriviamo regolarmente, però entrambe rimaniamo qui e scambiamo visite, proprio come fanno due buone amiche.
      Abbraccio ricambiato!

      Elimina
  9. Buon Compliblog...mi sa che ti seguo da un tot di anni anche io e sempre con grande piacere, anche se non co siamo viste mai, pigrizia mia visto che abitiamo anche relativamente vicino....chissà mai?
    Baci
    Elisa

    RispondiElimina
  10. Nove anni?

    Sono proprio tanti.

    Brava per il tuo impegno e la tua costanza.

    Auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, nove anni sono tanti, ma sono passati in fretta, tutto sommato.
      Benvenuta dalle mie parti, spero che tornerai!

      Elimina
  11. Ah, io non mi sono stancata di te!! Pur se sporadicamente , ho contnuato a leggerti, spesso in silenzio.
    Il problema era mio, non avevo più niente da dire, mi sembrava che tutto quel che scrivevo fosse banale, scontato.
    Io una cosa ho imparato da te, a non arrendermi, a darmi tempo... senza nascondermi errori e inciampi.
    Sto cercando di tornare, io avrei compiuto otto anni di blog... Ci conosciamo da otto anni!!!
    Ti voglio bene Kathe, buon Compleblog! :)
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perla, che piacere ritrovarti! Spero che questo segni un tuo prossimo ritorno in rete. Mi sei molto mancata!
      Anch'io ti voglio bene e spero d'incontrarti un giorno o l'altro. Ci siamo sfiorate anni fa, chissà che la prossima volta non vada meglio!

      Elimina
  12. Auguri di cuore a una blogger di ferro, ancora più apprezzabile perché sei riuscita a resistere al canto delle sirene dei social network che hanno spopolato il mondo dei blog!
    Un bacione e continua, continuiamo ad andare sempre avanti tutta! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Happysummer!
      Avanti tutta!

      Elimina
  13. Oohhh, sei ancora presa coi festeggiamenti?? Oooohhh c'è qualcuno?

    RispondiElimina
  14. Ci sono, tranquillo!
    Sono stata un po' impegnata!:)

    RispondiElimina
  15. auguri in ritardissimo...sono stata malata a casa senza pc

    di tutto quello che hai scritto una parte la sento molto anche mia " ... Ho imparato che amici virtuali e reali possono convivere felicemente nel nostro cuore e che, spesso, ci si dimentica davvero del fatto che alcuni non li abbiamo mai visti di persona perché, dopo aver letto per anni i loro post, ci sembra di conoscerli persino meglio di quelli reali... "

    ho vissuto con un blog e credo che sarei stata una persona diversa, senza.

    Un abbraccio, Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gira e rigira si finisce di trovare nel blog persone con una tipologia simile a quella che frequentiamo nella vita reale. Ma a volte ci si ascolta di più "leggendosi" piuttosto che parlandosi, e si finisce con l'imparare tanto.
      Abbraccio ricambiato!

      Elimina
    2. sono assolutamente d'accordo... la parola scritta è più potente di quella parlata

      Elimina
  16. Siamo rimasti/e una sparuta schiera. Le considerazioni che fai sono tutte 'disarmanti' nella loro analisi sui giovani che si sono allontanati per una comunicazione più veloce (e forse meno riflessiva), sui nostri più o meno coetanei che hanno perso mordente: si sono seduti (scojonati?).
    " Forse problemi di lavoro, di relazione sociale, di salute… Magari si sono semplicemente stancati di me. La vita e il tempo cambiano le persone e non si può fare nulla per ritrovare l’antico feeling, soprattutto stando dietro ad uno schermo."
    La soluzione io l'ho trovata in un lapsus mio nel leggere :"di scherzare come un tempo" che per era "scherzare CON il tempo".

    sherALCHYtuamicadalloragiugno2004

    RispondiElimina
  17. Credo che tra tutti gli amici di un tempo, agli albori dei nostri blog, noi due siamo rimaste le uniche che non sono cambiate. Abbiamo continuato a scrivere di noi, a comunicare, a commentare i fatti che ci colpiscono, a preoccuparci quando stiamo un po' di tempo senza vedere nuovi post l'una dell'altra.Tanti si sono allontanati e, anche se ancora non ho perso i contatti, li sento diversi. Loro affermano che nella vita tutto cambia, che si cresce, ci si evolve... ma io sono contenta così, di non essermi evoluta e di essere rimasta la stessa di sempre. Avrò la sindrome di Peter Pan? Dovrei preoccuparmi?

    Grazie, cara amica, di aver mantenuto lo stesso rapporto nel tempo, amiche oggi come e forse più di allora.
    Un abbraccio!

    Kathecontentadiavertiancoracomeamica

    RispondiElimina
  18. Davvero delle belle riflessioni che farei leggere a tutti quelli che stanno iniziando soltanto ora ad avere un blog; anche io in questi anni ho imparato tantissimo dalle persone che, come te, hanno avuto la voglia e la gentilezza di scambiare qualche opinione nel mio blog.
    Un caro saluto ed un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio saluto e abbraccio, e lunga vita anche al tuo blog!

      Elimina
  19. Ero convintissima di averti commentato, ma invece chissà cos'ho combinato. Argomento molto interessante, che mi tocca da vicinissimo e condivido. Io sono una che si affeziona sinceramente e questo fatto di sparire che avviene mi rattrista, comunque vedo che internet è come la vita concreta, né più né meno, amicizia virtuale o reale sono la stessa cosa. Ne sono scomparsi tanti anche di quelli reali, io non interrompo mai per prima un'amicizia, ma non posso più reggere le continue telefonate o email, peggio ancora lettere via posta tradizionale, gli amici devono capirmi senza offendersi e dirmi la fatidica frase: "Tu non mi vuoi più bene".
    Se ricompaiono ormai non si rinsalda più malgrado le buone intenzioni vicendevoli. Comunque la verità è che abbiamo troppi impegni e le giornate straripano di impicci. Il blog non è una cosa superflua, un ornamento decorativo, è un abito a pelle nel quale ci doniamo gratis, comunque ho inventato una rima baciata: cosa regalata cosa disprezzata.

    RispondiElimina
  20. Beh, io ho sempre apprezzato il mio caro blogghino e a che blogspot che mi permette di scrivere gratuitamente sul web e di conoscere voi amici. In effetti, prima di sparire, sarebbe carino che le persone salutassero e che magari lasciassero un recapito mail, per potersi sentire ancora qualch volta, ma che dire? Tante teste, tante idee!

    RispondiElimina
  21. "Mi sono resa conto che gli uomini che ho incontrato nel mondo virtuale, esattamente come quelli del mondo reale, pensano che il loro punto di vista sia, praticamente sempre, più giusto del mio. :("
    ehehe, io questa considerazione la estenderei tranquillamente a uomini e donne dell'era attuale o forse di ogni era in generale, sia di persona che tramite quello che scrivono sul blog...
    ma dicendo ciò confermo anche io di avere l'idea che il mio punto di vista sia migliore di quello degli altri? LOL LOL LOL e quindi se così fan tutti tanto vale farlo anche noi e non crucciarci più di tanto.
    Personalmente ho un po' rarefatto i rapporti su internet con tutti quei pochi perchè se sto troppo a computer mi dolgono gli occhi ed anche le spalle .

    RispondiElimina
  22. Ti dirò...a me è capitato di dialogare con uomini che mi hanno fatto cambiare punto di vista, ma non è mai successo il contrario!Non dico quindi che il mio punto di vista sia quello giusto, visto che sono disposta a modificarlo, dico che gli uomini, mai, sono disposti a cambiare il proprio! Noi donne ci mettiamo maggiormente in discussione, tutto qui. Anche a casa mia succede lo stesso. Mio marito vuole sempre avere ragione, salvo poi far passare per sue le mie idee! ;)

    RispondiElimina
  23. bhé in un modo o nell'altro anche riconoscendo per sue le tue idee alla fin fine ha cambiato idea, eheheh :-D

    RispondiElimina