domenica 13 aprile 2014

Aggiornamenti



Prosegue la mia ricerca di un nuovo libro di testo per il prossimo anno. Mi rendo sempre più conto che si dia per scontata la presenza di una lavagna interattiva multimediale in ogni classe, lettori mp3, ragazzi in grado di navigare online sul libro virtuale e scaricare materiali.

Come ho già detto, la situazione nella nostra scuola non è così rosea, pertanto, un libro che dovesse necessariamente anche utilizzato sulla LIM, potrebbe servire soltanto in una dozzina di classi su trentatrè, le basi musicali in formato mp3 non potrebbero essere ascoltate nei lettori cd perchè quelli che abbiamo leggono solo il formato CDA, senza contare che la maggioranza dei ragazzi, a casa, non stamperebbe gli spartiti perchè non possiede una stampante ed io non posso farli suonare in classe se non sono forniti del materiale necessario.  Insomma, sono sempre allo stesso punto.


Nel frattempo, sto preparando con i ragazzi il mio solito spettacolo musical-danzante al Cottolengo per far divertire gli anziani. Quest'anno ho una classe particolarmente entusiasta e collaborativa che, oltre ai tradizionali flauti dolci, utilizza anche quattro flauti traversi, un violino ed una chitarra elettrica. Insomma, spero che anche quest'anno la nostra performance possa riscuotere un buon successo.  Un'altra classe sta preparando un incontro con uno scrittore e uno scambio culturale con una classe di un'altra città, suonando e cantando, per l'occasione, brani in francese, italiano e inglese.   


La situazione a casa non è rosea. Mia madre, dopo un breve periodo in cui sembrava avesse ripreso un po' di forze, è nuovamente regredita. Oltre a non voler più camminare, oggi non ha mangiato quasi niente ed ho faticato anche tantissimo per farla bere. Si sta trasformando in un vegetale ed è brutto vederla così.  Mi viene in mente sua sorella che, a novantun anni, era stata colpita da un ictus. Quando ero andata a trovarla all'ospedale, poco prima che se ne andasse, mi aveva detto: "Mi hanno portata qui a morire, ma non importa, perchè io non ho più voglia di vivere". 


Chissà, forse anche mia madre, pur inconsciamente, sta gettando la spugna. Penso a questi otto anni in cui non ho fatto altro che correrle dietro mentre scappava da tutte le parti, portando  in giro gli oggetti domestici più disparati, come il ferro da stiro, i pantaloni di mio marito, una padella... e vorrei tanto poterla ancora inseguire, come fanno le mamme con i figli birichini, e arrabbiarmi, perchè combina le marachelle, ma il tempo passa inesorabile e al momento del definitivo declino, prima o poi, non si potrà sfuggire.



Per distrarmi un po' dai pensieri, nei rari momenti liberi gioco con Photoshop. Ora ho imparato ad ottenere foto "miste", un po' a colori e un po' in bianco e nero. Ecco qui un esempio, con una foto scattata da un amico domenica scorsa mentre, in compagnia di marito e cagnolino, assistevo ad uno spettacolo di strada. A Terry ho messo anche gli occhiali eheheheeh!


Buona domenica e buona settimana a tutti!

19 commenti:

  1. Al photoshop non mi sono mai cimentata. Sei già brava. Per divertirmi un po' e non pensare io mi cimento con Bitstreaps su faceBook e mi prendo in giro da sola. Ti auguro tanta forza per affrontare tutto e con affetto ti saluto.
    paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah i giochi di Facebook mi stressano troppo. Avevo provato quello della fattoria e tutti quegli animali che urlavano, i frutti da cogliere, i campi da coltivare, mi davano un'ansia pazzesca. Meglio colorare un po', come a scuola!

      Elimina
  2. Ehhhhhhhhhhhh lo dicevo che Terry era il più bello dei tre. Ma non perché più giovane , come pensi tu, Kathe. Nooooooooooo,..........perché porta occhiali più belli!!!!!!!!!!!! :)))
    Per il resto... posso solo inviarti un abbraccio virtuale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti gli occhiali di Terry sono più alla moda. Soprattutto i miei sono piuttosto datati! ;)

      Elimina
  3. Bella la foto, fenomenale quello che vedo si chiama Terry, e anch'io ammiro gli occhiali. Quanto al resto, per fortuna che un lavoro sentito aiuta molto a vivere. Lo dico da pensionato da troppi anni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh Terry è una vera esplosione di vitalità ed energia.A volte viene il mal di mare solo a guardarlo mentre scorrazza come un matto in giardino!
      Beato te che sei in pensione, io non so se ci arriverò mai, visto che con ogni nuova legge si allontana un po'!

      Elimina
  4. Chitarra elettrica, flauti, insomma una vera orchestra :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah sì, se poi ci mettiamo anche la mia tastiera, con batteria e arrangiamenti, siamo proprio un'orchestra grandiosa! E non dimentichiamo il coro! :)

      Elimina
  5. sei brava.. complimenti. Bella foto ... simpatica con l'idea degli occhiali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...Ogni tanto mi diverto un po' a pasticciare, tanto per svagare la mente.

      Elimina
  6. I genitori anziani mettono molta tristezza perché vorresti fare ancora di più per loro ma non si può.
    Simpatica la foto.
    Al3ph

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già...tristezza, ma a volte anche rabbia, perchè non si riesce a farli ragionare e bisogna forzarli a fare ciò che non vogliono. Se solo mia madre capisse qualcosetta, anche solo poco! Invece niente e tutto ricade sulle mie spalle...

      Elimina
  7. Un augurio grande di giorni il più sereni possibile. Ti abbraccio
    sheralchimiecaramaestramia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Augurio ricambiato, speriamo in bene!

      Elimina
  8. A me, in musica, hanno insegnato soltanto il solfeggio. Ero stata assente giusto a quella spiegazione e guardavo, ad occhi stupiti, le compagne di classe che facevano: oh, oh, oh, ohhhh. Mah. E cantavamo l'Ave Maria di Schubert appresso a una ragazza che sapeva intonarla, io ho un forte senso del ritmo, ma non so riprodurre i canti inventati dagli altri,sicché canterello a modo mio inventandomi lì per lì. Sono intonata, più o meno, come quella Francesca dell'Eredità televisiva. Mah. Certo che tu ne fai di cose. Coraggio per la mamma, ricorda che ti sono vicina. La foto è bellissima, quel cagnolino tenero, tu e tuo marito così giovani. Un abbraccio pasquale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'intonazione viene con l'esercizio, non è mai troppo tardi! :)
      Grazie per il tuo affettuoso incoraggiamento. Sei molto cara! Speriamo bene e che la Pasqua non mi porti brutte sorprese.
      Abbraccio ricambato!

      Elimina
  9. E' molto dolce il modo in cui parli di tua madre.
    Bello l'effetto di photoshop!
    Ti auguro di passare una splendida Pasqua.

    RispondiElimina
  10. Speriamo Mr Loto, speriamo! Non si mette tanto bene, ma spero proprio che la mia Pasqua non sia troppo difficile.
    Un abbraccio e buona Pasqua anche a te!

    RispondiElimina
  11. Sì, penso ci sia un momento in cui arriva la voglia di andare via. L'ho osservato in mio nonno che, arrivato a 85 anni, ha semplicemente spento i motori, e vedo lo stesso atteggiamento in mio padre.
    Certo, è difficile per chi rimane, ma è giusto così: credo che a un certo punto la vita diventi terribilmente stancante.

    RispondiElimina