venerdì 6 gennaio 2017

Tempo di consuntivi e di previsioni



E’ finito un altro anno. Tempo di consuntivi e di previsioni. 

Per una persona della mia età è difficile raccontare fatti nuovi: vivo da sempre nello stesso posto, insegno da 38 anni nella stessa scuola, ho intorno gli stessi familiari, amici e colleghi … Alla mia età non ci sono più sogni da realizzare, piuttosto, si vorrebbe fermare il tempo e mantenere tutto ciò che si ha così com’è. 

Come ho trascorso il 2016? Ho lavorato tanto, a casa e a scuola, sono andata a spasso con il marito e il cagnolino, sono stata in crociera durante le vacanze, ho trascorso momenti piacevoli con parenti, amici e colleghi.

Torino

Nei momenti di difficoltà, oltre al sostegno dei familiari,  ho potuto toccare con mano il sincero interessamento degli amici e soprattutto dei colleghi, che si sono veramente fatti in quattro per aiutarmi e sollevarmi il morale, e ancora lo stanno facendo. C’è sempre chi ha un pensierino per me, chi mi fornisce un indirizzo utile per le informazioni che mi servono, chi si interessa sulla mia salute, chi mi incoraggia quando sono triste e chi cerca di tenermi allegra. Cosa potrei chiedere di più?

A mia volta, ho fatto miei i problemi di mio figlio, le difficoltà per trovare un buon lavoro, i rapporti con una società sempre più tesa all’apparire piuttosto che all’essere,  le vittorie e le sconfitte e il mio più grande desiderio è soltanto quello di vederlo felice. Io ho avuto la mia parte, ora toccherebbe a lui prendere il meglio dalla vita, una vita sempre più complicata e con poche opportunità per i giovani d’oggi. Finalmente, ha raggiunto un momento abbastanza positivo e non posso che sperare che la situazione continui a svilupparsi in tal senso.

Gli ultimi dodici anni sono stati molto pesanti per me: la malattia e la morte di mio padre, i lunghi anni dell’Alzheimer di mia madre, un difficile intervento al polso destro di mio figlio e tanti altri piccoli e grandi problemi … avrei veramente bisogno di un po’ di pace ma, come diceva sempre mia madre: “La vita è una battaglia” e non si finisce veramente mai di combattere. Risolto un problema se ne ripresenta subito un altro.

Progetti per il 2017? Difficile a dirsi. Mi piacerebbe poter avere certezze sulla mia salute e quella dei miei cari, avere più tempo per me, per suonare il piano e per visitare qualche bel posto. Soprattutto, mi piacerebbe poter vivere un anno sereno, con leggerezza, con tanta voglia di ridere, scherzare e, perché no, cantare. Mi piacerebbe non dover più sentire le notizie tremende dei telegiornali, con continue violenze su donne, anziani e bambini. Non vorrei più sentir parlare di inondazioni , terremoti e guerre di religioni. Vorrei vedere finalmente una classe politica che si interessi realmente ai problemi di questo nostro bellissimo e martoriato Paese e che cominci a risolverne qualcuno …

Ogni anno nascono tante speranze ma, alla fine, non cambia mai nulla.
Buon 2017 a tutti!

15 commenti:

  1. più o meno abbiamo la stessa età e facciamo lo stesso lavoro e anch'io la penso come te,...che c'è da dire? Poi però scrivo..e amen :-) Vedrai che il 2017 sarà un bell'anno e ti porterà il meglio che tu possa desiderare, io te lo auguro. Buonanotte mia cara Katherine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo. Ho veramente bisogno di un anno senza troppi problemi. Auguri anche a te per un anno positivo. Un abbraccio!

      Elimina
  2. Ciao Katherine, condivido le tue speranze in un mondo migliore, soprattutto per il futuro dei nostri giovani e...un po' di salute e serenità per noi "vecchietti"...un caro saluto!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, sono queste le cose che contano: salute, serenità e speranza per i nostri giovani! Saluto ricambiato e buon anno!

      Elimina
  3. IO di bilanci, consuntivi o di previsione, non ne faccio più. Tanto, oramai e da un po', è sempre la solita solfa per me, ogni anno dico che brutto anno quello che sta terminando, spero in meglio e di meglio nn vedo neppure l'ombra. Ma, come diceva tua madre, la vita è una battaglia, quindi spero di combattere ancora a lungo e nelle migliori condizioni psicofisiche possibili :) Buon anno iniziato, Kathe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo devo darti ragione cara Perla. Io chiedo solo più di avere la forza e la salute sufficienti per riuscire a combattere ogni giorno contro le difficoltà della vita, ma sta diventando sempre più difficile. Buon anno e buone battaglie cara Perla, e che Dio ci assista!

      Elimina
  4. ...non cambia mai nulla perché, purtroppo, è l'essere umano a non cambiare mai! Non bisogna però mai perdere la speranza e la voglia di darsi da fare affinché un miglioramento nel mondo, almeno nella nostra piccola parte di mondo, avvenga.
    Ti abbraccio e ti auguro un anno di salute, tempo libero e amore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ricambio gli auguri anche a te!

      Elimina
  5. La storia è circolare, momenti felici per chi li sa cercare.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh qualche volta i momenti felici sono difficili da trovare! Speriamo in bene! Ciao!

      Elimina
  6. Nei politici e nelle notizie dal mondo non ripongo molte speranze, ma per quanto riguarda te e la tua famiglia, naturalmente, vi auguro ogni bene!
    Buon Anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, auguro anch'io ogni bene a te e ai tuoi familiari!

      Elimina
  7. https://zitroneblog.files.wordpress.com/2017/01/rosen_0025.gif?w=950
    Un abbraccio cara Kat anche da qui Buon anno
    shera

    RispondiElimina
  8. che tutto rimanga com'è è già tanto in questa società dove i 50enni perdono il lavoro e devono riscrivere la loro vita in precarietà e dove i giovani vanno all'estero a cercare un lavoro dignitoso e non sottopagato... Questo è un paese fondato sui pensionati e pochi fortunati, ormai il lavoro si è perso in questa classe politica ingorda e avida

    RispondiElimina
  9. ciao mia cara Katherine :-) a quando un post nuovo? Che ci racconti di bello? Buon domenica

    RispondiElimina