sabato 23 giugno 2012

Commozione all’esame di terza media.



C’era una volta un ragazzo arrivato in Italia da un lontano Paese dell’Africa. Non si trattava di un Paese ricco e industrializzato, ma uno di quei villaggi dove le famiglie vivono ancora nelle classiche capanne di fango col tetto di paglia, con niente altro che qualche utensile e un giaciglio di foglie di miglio. E’ uno dei paesi più poveri al mondo, che finanzia la sua economia in gran parte grazie agli aiuti umanitari e dove il tasso di alfabetizzazione è molto basso.

Il ragazzo, che chiamerò Mustafà, in base all’età venne iscritto alla Scuola Media, ma il suo grado di istruzione non era sicuramente adeguato, senza contare che non conosceva l’Italiano. La sua classe era molto numerosa, ma i compagni lo accolsero bene e fecero subito amicizia con lui, nonostante il suo comportamento fosse spesso di disturbo al lavoro scolastico. I professori si arrabbiavano, ma poi cercavano anche di capire. Il poveretto era passato direttamente dall’estrema libertà del villaggio africano alla rigidità delle regole  scolastiche europee. “Devi stare seduto nel banco, alzare la mano per parlare, stare attento alle spiegazioni, svolgere i compiti…” Ah quelle non erano certo regole che facevano per lui! C’erano poi materie o attività che proprio non gli interessavano, e allora faceva il diavolo a quattro, si alzava dal banco, girava per la classe, parlava forte, faceva i dispetti persino agli insegnanti.

In prima media il Consiglio di classe discusse a lungo sulla promozione; non si era certo impegnato o aveva raggiunto gli obiettivi richiesti, ma era grande e grosso e aveva un buon rapporto con i compagni che, non solo lo tolleravano, ma addirittura lo tenevano calmo e lo aiutavano a superare le difficoltà. Dove avrebbe trovato un altro ambiente simile? In effetti, nella classe c’erano anche due ragazzi gemelli, molto intelligenti e preparati, ma anche umili e disponibili alla collaborazione, che si prendevano letteralmente cura di lui come due bravi papà. Andavano a riprenderlo quando si attardava in bagno, lo facevano sedere accanto a loro quando era nervoso, gli parlavano dolcemente invitandolo alla calma ed all’impegno, gli spiegavano quello che non capiva. Avevano con lui una pazienza veramente da santi. Nello stesso tempo erano anche molto collaborativi con gli insegnanti. Si preoccupavano di accendere o spegnere la lavagna interattiva, chiudevano a chiave la porta della classe quando avvenivano gli spostamenti in altri luoghi, facevano in modo che sulla cattedra fossero sempre pronti i materiali giusti, come il vocabolario, i giornali, i cd ecc...

Passarono tre anni e Mustafà imparò l’Italiano e qualche materia migliorando, almeno in parte, il comportamento troppo agitato.
Il primo giorno dell’esame di terza media scrisse un testo per lui veramente strabiliante, data la correttezza ortografica e grammaticale, ma soprattutto scrisse di essere stato molto fortunato ad aver incontrato due compagni di classe come i gemelli, “Due ragazzi alti uguali, capelli neri, occhi marrone, sguardo sempre felice e bocca sorridente. Straordinari, altruisti, gentili, affidabili più di qualsiasi altro. In quei tre anni, l’avevano aiutato, sostenuto e, quando non aveva voglia di fare niente, gliel’avevano fatta venire. Gli avevano dato tutto senza nulla in cambio”

Mustafà si augurava di potersi sdebitare, un giorno, ma sentiva che sarebbe stato difficile perché l’aiuto che aveva ricevuto era “INSDEBITABILE”, però era certo che quei ragazzi “Gli sarebbero rimasti cari per tutta la vita”.


Quando giunse il giorno dell’esame orale per i gemelli, l’insegnante di lettere li fece entrare insieme,  per un momento, nell’aula, dicendo che avrebbe fatto qualcosa che non aveva mai fatto in tutta la sua vita, cioè leggere pubblicamente il frammento di un tema d’esame di un loro compagno. Disse anche che l’eccezione era proprio necessaria e presto avrebbero capito perché.
Lesse così, con grande sentimento, la parte dell’elaborato di Mustafà che li riguardava e i gemelli diventarono prima tutti rossi, poi cominciarono a piangere come fontane. A quel punto, anche la Commissione d’esame non poté più trattenere le lacrime e tutti piansero.  Pensavano alla fatica di quei tre anni, alle arrabbiature, ai piccoli e grandi successi, al sorriso di quei ragazzi nonostante tutto e tutti, a quell’alunno che, da piccolo, testardo selvaggio, si era trasformato in una persona responsabile e riconoscente, all’inevitabile allontanamento di quella splendida classe verso nuovi orizzonti e percorsi formativi. Naturalmente molti avevano dimenticato i fazzoletti ma, per fortuna, esistevano quelli di riserva della prof. di arte, che li aveva portati prevedendo la tipica “commozione da esame” e l’emergenza venne superata.
Fu per tutti un bel momento perché, nonostante quel che si può pensare, non c’è niente che dia più gioia e commozione quanto un pianto di felicità.

Questa poi non è una favola, ma quanto successo oggi nella mia commissione d'esame di terza media.

21 commenti:

  1. Meraviglioso, Kat. Non si può dire nulla di più...

    Abbraccia Mustafà, i gemelli e la prof che ha letto quel frammento di tema. E un abbraccio a te, nostra finestra su questo bellissimo mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per gli abbracci, cercherò di mandarli tutti a destinazione.Certi fatti sono troppo belli per non condividerli!

      Elimina
  2. Tutto il bene di questo mondo a mustafà e ai gemelli e alla loro superinsegnante :-)
    ELISA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah io non ho fatto nulla, il merito è tutto dei ragazzi. Io ho solo raccontato il fatto perchè lo ritengo troppo bello per rimanere nascosto.

      Elimina
  3. Bellissima esperienza. Ci volevano i fazzoletti anche qui!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te ne manderò qualcuno di quelli della mia collega di arte! ;)

      Elimina
  4. stavo per scoppiare letteralmente a piangere! Ho dovuto trattenere le lacrime perché ci sono in casa mio marito e mio figlio. Sono reduce anch'io dagli esami di terza media terminati sabato mattina con soddisfazione di mio figlio... manca di conoscere il verdetto finale, ma non cambierà comunque il fatto che lui sia riuscito a superare l'emozione e si sia impegnato a studiare per giornate intere la sua tesina. Spero raggiunga il sette... i gemelli con Mustafà una storia veramente "insdebitabile"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I gemelli sono stati proprio bravissimi. Meravigliosi, proprio come li descrive Mustafà. I giovani possono ancora dare molto a questa società, basta avere fiducia in loro.
      Spero che tuo figlio passi l'esame con il voto desiderato ma, comunque vada, sarà un successo, perchè è il suo primo esame e ha saputo affrontarlo con impegno e serietà.

      Elimina
  5. Con l'amore e l'altruismo come sarebbe diverso questo nostro mondo... ma intanto questo è bellissimo

    RispondiElimina
  6. Già, il mondo sarebbe sicuramente migliore, come già lo sono piccoli angoli come quello descritto. Una goccia oggi, un'altra domani, e il mare della solidarietà e dell'altruismo, prima o poi, comincerà a formarsi! Mai disperare!

    RispondiElimina
  7. Bellissimo quello che racconti, certi episodi ci fanno riconciliare cone la vera vita. ciao.

    Quello che dicevi da me conferma la mia idea che il Friuli sia l'unica regione italiana dove si applica una ingiustificata severità.
    Mio figlio aveva tutti 10 in pagella tranne il nove nelle tre lingue.Ho sentito da più parti di questa legge non scritta di non dare il 10 in Friuli. Ciò crea varie ingiustizie, questa logica applicata alla maturità ad esempio causa questo problema: quando i nostri alunni Friulani si confronteranno con il resto d’Italia, si veda agli esami per l’accesso alle facoltà universitarie, oppure concorsi per l’accesso al lavoro statale, saranno penalizzati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e' QUELLO CHE PENSO ANCH'IO. Le nostre scuole ed università tendono ad abbassare i voti alla ricerca del "migliore". Diplomi e lauree devono essere "sudati". Intanto i posti di lavoro vanno tutti a chi ha avuto dei voti più alti, provenendo da luoghi in cui i prof non sono troppo esigenti. Speriamo che un giorno o l'altro le cose cambino o la vedo ben brutta per i nostri giovani!

      Elimina
  8. Buon fine-fine settimana kat!

    RispondiElimina
  9. Consolante. Dimostra che possiamo continuare a nutrire fiducia nell'uomo, magari nel cucciolo, prima che la società dei potenti selezioni come premiante solo la stupidità e l'egoismo, orgogliosamente declinati da mandrie di tifosi.
    Ma compivi gli anni il 30? Auguri in ritardo.

    RispondiElimina
  10. Già...Un compagno di liceo di mio figlio, fannullone piantagrane, bocciato in quinta e mai laureato, è stato assunto come "responsabile di reparto" da una ditta. Avranno pensato che con tutta quella faccia tosta sarebbe stato un ottimo responsabile, capace di imporsi sugli altri. Non ho idea di come possa dare ordini ad altri se lui stesso non sa fare nulla e non ha mai avuto voglia di fare nulla, ma così va il mondo!
    Sì, il trenta ho compiuto gli anni. GRAZIE PER GLI AUGURI!

    RispondiElimina
  11. Questo è ciò che di bello ancora esiste nella scuola italiana. Per fortuna resistono insegnanti bravi e rispettabili... peccato che sono in pochi! Complimenti per aver capito che la lezione di vita ripetuta di anno in anno, sia per i gemelli che per Mustafà... contava di più della bocciatura!

    RispondiElimina
  12. Questo è ciò che di bello ancora esiste nella scuola italiana. Per fortuna resistono insegnanti bravi e rispettabili... peccato che sono in pochi! Complimenti per aver capito che la lezione di vita ripetuta di anno in anno, sia per i gemelli che per Mustafà... contava di più della bocciatura!

    RispondiElimina
  13. A volte, per fortuna, gli insegnanti hanno delle buone intuizioni e riescono quasi a prevedere il futuro, comprendendo che possono essere utili più le lezioni di vita che quelle tradizionali riferite alle materie.

    RispondiElimina