lunedì 30 luglio 2018

Ciao zia Teresa!

Venerdì 27 luglio ha lasciati l’ultima degli zii. Non sono già più figlia e non sarò mai più nipote.
Zia Teresa aveva quasi novantotto anni, era l’ultima sorella di mia madre rimasta in vita e tutti pensavamo proprio che sarebbe arrivata almeno a cento anni, considerando il suo spirito, l' allegria, l'amore per la vita, per la famiglia e per le cose belle.

A novantacinque anni avevamo festeggiato il suo compleanno in grande e lei si era agghindata alla perfezione. Si era messa il rossetto, la cipria, aveva indossato il suo tailleur migliore, le calze di nylon e le scarpe con il tacco. Non aveva perso la sua curiosità: “Chi è tuo marito? E’ quello? Ma è proprio un bell'uomo! E tuo figlio qual è? Cosa fa? E’ un bel giovanotto! Mandalo qui che gli do un bacio”!
L'anno dopo aveva partecipato al matrimonio del nipote e, poco prima di mezzanotte, aveva ballato un lento con lui.
Zia Teresa alla festa dei suoi novantacinque anni

Zia Teresa e noi
Era proprio così la zia, sempre effervescente, con una gran voglia di divertirsi, di ridere, di godere delle piccole gioie della vita e dell’affetto della sua famiglia.
Ci ha spiazzati tutti, andandosene silenziosamente nel sonno, sicuramente con il sorriso sulle labbra.
Mi sembra di vederla, lassù con i genitori, le sorelle, il marito ritrovati, mentre danza un valzer con gli angeli, come tanto aveva ballato da ragazza durante le feste domenicali organizzate dai miei nonni.
Suona il grammofono e zia Teresa volteggia, sorride al suo sposo, poi ride e invita: “Ballate anche voi!Sorridete alla vita come ho sempre cercato di fare io, nonostante le difficoltà!”

Questo è l’insegnamento che ci ha lasciato. Facciamone tesoro.
Ciao zia Teresa, metti una buona parola per noi lassù!


15 commenti:

  1. Bel ritratto. Bel tributo a una bella persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, era una bella persona. Sempre ottimista, che non si lasciava abbattere dalle difficoltà e che sapeva assaporare le piccole gioie della vita. E' vissuta in serenità, senza malattie, è morta naturalmente di vecchiaia. Sicuramente la vita l'ha premiata.

      Elimina
  2. bello e rassicurante, a mia madre toccò di tornare bambina e mi sfogai con lei mentre passaavamo la notte assieme aspettando il giorno dopo, quello del suo funerale. Poi le chiesi perdono...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, mia cugina era un po' rammaricata perché, proprio la sera prima, aveva litigato con lei, che non voleva togliersi la dentiera per andare a dormire. Se avesse saputo che sarebbe stata la sua ultima notte gliel'avrebbe lasciata!

      Elimina
  3. Ciao Katherine, zia Teresa se n'è andata in punta di piedi dopo una lunga vita serena e vi ha lasciato dei bellissimi ricordi, secondo me la migliore delle eredità, un abbraccio!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione: ci ha lasciato una bellissima eredità e, ora che mia cugina sarà più libera non dovendo più occuparsi di lei, credo che riallaccerà maggiormente il rapporto con me. Siamo entrambe figlie uniche ed è un po' come se fossimo sorelle.

      Elimina
  4. Il suo amore per la vita è stato premiato con una partenza inconsapevole, che forse è la migliore auspicabile.
    Una preghiera per la splendida zia ed un abbraccio a tutti voi.

    RispondiElimina
  5. Sono capitata qui attraverso il blog di un amico.
    Mi dispiace incontrarti in una notizia così triste.
    Vorrei solo dirti che, personalmente, sono nipote di amici di famiglia che mi hanno cresciuta e con i quali non vi è alcun rapporto di sangue. Quindi, spero che anche tu avrai qualche zio nel cuore, e accanto.
    P.S. Ho letto la tua presentazione. La musica rappresenta una parte importante della mia vita.
    Sarà un grosso piacere continuare a seguirti.
    Passa a trovarmi quando ti va.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per la tua visita e per il bel commento. Sono stata da te, ma credo di essere uscita con la mia registrazione su google e non come blogger di questo blog. Mi farà piacere se continuerai a seguirmi anche se, a dire la verità, non scrivo più molto spesso.

      Elimina
  6. Che bella signora! Rimarrà per sempre nei vostri cuori, ne sono certa. Un abbraccio a te mia cara Katherine

    RispondiElimina
  7. Mia zia era molto bella da giovane e aveva un sacco di ammiratori. Considerata l'età ( nella foto aveva 95 anni, ma anche a 98 non era molto diversa) si può dire che sia stata una bella donna anche da anziana. Forse questo era dovuto al buonumore che aveva sempre caratterizzato la sua vita e alla sua forza nell'affrontare le difficoltà, senza mai disperarsi troppo. Sicuramente non la dimenticheremo!

    RispondiElimina
  8. Ciao Kat!

    Mi dispiace leggere notizie come questa. A diminuire la tristezza dell'evento, almeno per me che leggo senza essere troppo coinvolto emotivamente (un po' sì, anche se ovviamente non conoscevo la zia) c'è il pensiero che zia Teresa ha conservato fino all'ultima quel tipo di gioia di vivere tipico di chi ha affrontato le mille difficoltà dell'esistenza mantenendo l'interesse per questa vita.
    E... dove devo firmare per garantirmi un'uscita di scena così, "silenziosamente nel sonno"? Non farei neanche troppe storie per il quando! Ecco, magari non proprio domani o dopo... :-D

    Mi ha commosso l'immagine della zia che balla lassù, al suono del grammofono.

    Un abbraccio!

    Mario

    RispondiElimina
  9. Mettiti in coda Mario, prima ci sono io eheheheh!
    Pensa che mia zia è stata fidanzata con mio padre e c'è mancato poco che non l'abbia avuta come madre...ma c'era la guerra, lui era stato via tre anni e lei non aveva avuto la pazienza di aspettarlo, con il rischio che correva di non tornare vivo! E lui si era vendicato mettendole un pietrone pesantissimo nella valigia quando era andata in viaggio di nozze, valigia che, naturalmente, si era scarrozzata dietro tutto il giorno mio zio. Ah quanto aveva riso lei! Mio zio per niente eheheheh!
    E quel grammofono che tanto si usava nella casa dei nonni ce l'ho ancora io. Quanto avevano ballato le sorelle al suono di quel grammofono! Mi sembra quasi di vederle. Sicuramente ci sarà un grammofono anche lassù!
    Ciao Mario, ti abbraccio!

    RispondiElimina
  10. Piano gli anni passano ed io a stessa mi accorgo di essere ormai nella mia famiglia la terza generazione Per fortuna ci sono i bambini piccoli che occupano il vuoto immenso che hanno lasciato i nostri genitori i nostri cari.
    Così eh se vi pare ma Io aggiungerei come tutti che è così e basta.

    Ti abbraccio con tanto tanto affetto e perdonami se sono arrivata in ritardo.

    sherazade

    RispondiElimina
  11. Cara Sherazade, è proprio questo il problema! Gli anni passano, delle vecchie generazioni non resta più nessuno e al prossimo giro...tocca a noi! Un abbraccio e buone vacanze!

    RispondiElimina